News immediate,
non mediate!

COMITATO LEGALITÀ E TRASPARENZA – TN/AA * CUP – APSS: AVV. CANESTRINI, « PRENOTAZIONI SANITARIE, DECINE DI MIGLIAIA LE LAMENTELE PER I TEMPI DI ATTESA » (ALLEGATO LETTERA LEGALE)

Scritto da
16:41 - 29/11/2021

Gentile Assessora Stefania Segnana – Provincia Autonoma di Trento. Sua Sede – Via fax al n. 0461494177

Con cortese richiesta di protocollo urgente.

Formulo la presente in qualità di presidente del COLT, Comitato per la Legalità e la Trasparenza del Trentino Alto Adige, con sede a Rovereto in Via Campagnole 30.
Sono numerosissime le richieste pervenuteci onde attivarci al fine di segnalare il grave disservizio oggi presente al Centro Unico Prenotazioni dell’Azienda Sanitaria di Trento.
Per quanto è anche stato pubblicato la stampa locale, sono state indirizzate direttamente ai Vostri Uffici decine di migliaia di lamentele riguardanti i tempi di attesa per le prenotazioni sanitarie, sia telefoniche che on line. A grandi linee, ecco quali.
1. Molto spesso, trascorso un lungo periodo di tempo all’ascolto del messaggio registrato, cade la linea.
2. Utenti con prenotazioni di esami urgenti (Rao A e B) non possono fissarli. Se fatta richiesta, sono ricontattati dall’operatore oltre 15 giorni (anche un mese) sia dalla richiesta che dall’impegnativa medica .
3. A ciò si aggiunge l’attesa insopportabile per l’effettuazione degli esami richiesti, che spesso costringe i pazienti a rivolgersi a strutture private a pagamento.
4. Ci segnalano altresì in molti il mancato ricevimento del green pass di guarigione riferito a tamponi eseguiti in precedenza, malgrado numerose telefonate agli operatori ( introvabili) del dipartimento Igiene o dello staff Covid al quale si sono rivolti su suggerimento dell’unità USCA.
5. Anche il il numero verde è di difficilissimo accesso (segreteria automatica ove lasciare messaggi poi privi di richiamata): molti cittadini hanno inoltrato segnalazioni a tale proposito al sito APSS, ma senza alcun riscontro.
6. Noi stessi abbiamo cercato nel sito APSS di Trento il recapito email della Dirigente dott.ssa Zuccali, senza trovarlo, e ciò in violazione della normativa sulla trasparenza amministrativa.
L’elenco dei disagi e dei danni subiti potrebbe continuare.
Gli esempi testé indicati evidenziano inequivocabilmente una mole di disservizi inaccettabili per una Azienda Sanitaria e un sistema di istituzioni pubbliche che si definisce “l’eccellenza italiana”.
Naturalmente in questo quadro di vuoti organizzativi, non si intende in alcun modo negare al personale medico e infermieristico il grande livello di competenza e professionalità da loro quotidianamente dimostrati, pur in presenza di una evidente carenza di personale.

Ciò premesso, atteso che l’attuale momento di ripresa della diffusione del virus Covid-19 richiederebbe invece un incremento degli organici, anche al fine di non sottrarre o comunque ridurre alla popolazione trentina un diritto costituzionale e inalienabile come quello alla salute e alla cura, si chiede di essere notiziati con urgenza circa le misure che l’Assessorato che Lei rappresenta intende disporre nell’immediato onde far fronte a siffatta situazione.

Cordiali saluti
Rovereto, 29 novembre 2021 Avv.Gloria Canestrini

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica PDF [75.82 KB]

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.