News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

COMITATO DIFESA ACQUE – TRENTINO * PETIZIONE POPOLARE: « SALVAGUARDIA TORRENTE NOCE, 30.050 LE FIRME RACCOLTE TRA VERSIONE CARTACEA E ON-LINE »

Scritto da
13.28 - lunedì 20 settembre 2021

Presenti: Tommaso Bonazza, portavoce del Comitato Permanente per la Difesa delle Acque del Trentino; Salvatore Ferrari, primo firmatario della petizione e rappresentante di Italia Nostra; Alessandro Rossi, rappresentante della SAT all’interno del Comitato; Andrea Dal Prà, presidente del Canoa Club Trento.

Il 4 agosto 2021 veniva lanciata in questa sede una petizione online e in forma cartacea. In quella petizione chiedevamo al Consiglio della Provincia Autonoma di Trento da un lato di intervenire con un provvedimento normativo per fermare nuovi e insostenibili prelievi idrici a scopo idroelettrico e irriguo nel bacino del Noce in Val di Sole, dall’altro di intervenire con un provvedimento normativo per evitare lo sfruttamento di un bene pubblico, di un bene comune, quale è l’acqua, da parte di soggetti privati, in tutto il Trentino.

Ebbene, quella petizione ha, ad oggi, raggiunto un numero considerevole di firme. Sulla versione online della petizione, supportata dalla piattaforma change.org (https://chng.it/JzS9wH7b) abbiamo registrato ben 29.359 firme. Le firme della versione cartacea, raccolte principalmente in Val di Non e Val di Sole da una serie di volontari sono state ben 691 firma. Sommando i numeri delle due versioni, quella cartacea e quella online appunto, arriviamo ad un totale di 30.050 firme.

Da una prima analisi dei dati, abbiamo potuto determinare che il numero di firme dei residenti trentini è di 1838 (firme online) + 469 (firme cartacee). Delle 469 firme cartacee, 401 firme sono di residenti in Val di Sole.

Al di là della provenienza dei firmatari, in ogni caso, questi numeri non possono non far riflettere. Il successo della petizione mostra in maniera inequivocabile non solo che sono numerosi i cittadini che si dimostrano sensibili nei confronti delle tematiche ambientali e di difesa del territorio, ma anche che è finito il tempo di insensati progetti faraonici ed è necessario inaugurare una nuova stagione legislativa di radicale ripensamento del nostro rapporto con il mondo naturale da cui, direttamente dipendiamo.

Notizia arrivata proprio questa mattina: lunedì prossimo, 27/09/2021 ad ore 10:30, saremo ricevuti dal Presidente del Consiglio Provinciale Kaswalder. In quell’occasione verranno presentati i contenuti della petizione e verranno depositate le firme raccolte fino ad ora.

Ancora nessuna notizia invece da parte del Presidente della Giunta provinciale Maurizio Fugatti, al quale abbiamo inviato una richiesta di incontro in data 26/08/2021.

Il Comitato invierà a breve una richiesta di incontro con i 13 sindaci della Val di Sole e con il Commissario straordinario Redolfi per presentare i contenuti della petizione, per sollecitare un confronto pubblico sul territorio e per capire l’orientamento dei primi cittadini e delle comunità che rappresentano in merito al progetto presentato nel 2018 dal Consorzio di Miglioramento di Secondo grado della Val di Non e relativo alla captazione a scopi irrigui nel territorio del Comune di Peio.

Visto l’interesse generale della tematica ‘acqua bene comune’ dimostrato dai numerosi firmatari residenti in altre regioni italiane, è intenzione del Comitato inviare una richiesta ufficiale di incontro al Ministro dell’ambiente Cingolani per discutere con lui delle problematiche di gestione delle acque pubbliche che riguardano non solo il nostro territorio provinciale, ma tutti i territori dell’arco alpino. Inoltre, un altro incontro verrà richiesto al Ministro dell’agricoltura Patuanelli per esaminare le problematiche dell’agricoltura trentina, in modo da sollecitare la revisione dei parametri di concessione di contributi pubblici alle aziende agricole in un ottica di sempre maggior sostenibilità ambientale.

Ad inizio ottobre verrà discusso il disegno di legge n. 115 del 06/09/2021, promosso dall’assessora provinciale all’agricoltura Zanotelli in materia di miglioramento fondiario. Sarà cura del Comitato fornire osservazioni in merito ai consiglieri provinciali.

Il Comitato, nei giorni scorsi, ha deliberato il suo sostegno al Referendum sul Biodistretto, invitando gli iscritti delle 18 realtà associative che lo compongono, ad andare a votare domenica 26/09/2021. Felice coincidenza, quel giorno sarà anche la Giornata Internazionale dei Fiumi. Votare a favore di una maggiore sostenibilità nella gestione delle acque anche in campo agricolo sarà il nostro modo per onorare tale ricorrenza.

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica PDF

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.