VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

CIA (FDI) * VACCINI: “ LA STRADA È QUELLA DELLA PROMOZIONE DEPURATA DA AMBIGUITÀ E CONTRADDIZIONI, NON DELL’OBBLIGO VACCINALE “

Vaccini, Cia (FdI): “La strada è quella della promozione, depurata da ambiguità e contraddizioni, non dell’obbligo vaccinale”.

Proprio per la mia professione, per la mia formazione sanitaria, non ho avuto dubbi e mi sono vaccinato. Ma credo che la decisione sia personale e libera. Quindi sono contrario a qualsiasi obbligo, perché credo sia molto più efficace la strada della persuasione. C’è chi si dichiara contrario ai vaccini anche tra i sanitari e questo dovrebbe far sorgere qualche dubbio, se anche tra i medici e infermieri c’è chi manifesta prudenza. Ma non semplificherei riducendo tutti a “No Vax”, perché il dubbio è legittimo. Siamo bombardati dai virologi in tv, che uno contraddice l’altro. E sembra che ormai tutti siano luminari di virologia, anche chi non ha la minima competenza.

Come si può pretendere che tutta la popolazione abbia fiducia cieca nel vaccino? La strada è quella della promozione, depurata dalle ambiguità e contraddizioni, non dell’obbligo vaccinale. Il rischio è che si scateni la caccia alle streghe, additando chi non si vaccina. Gli ultimi provvedimenti sembrano andare in questa direzione.

*
Cons. Claudio Cia
Presidente del Gruppo Consiliare Fratelli d’Italia