PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Giornata dell'Autonomia (5/9/2019)

- video Tv integrale -

Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

Elisuperficie dell’Ospedale di Arco, Cia (Agire): “Ripristinare il servizio di vigilanza notturna.” Attraverso una comunicazione del direttore dell’Ospedale di Arco la cittadinanza è venuta a conoscenza del fatto che dal primo gennaio 2019 non verrà svolto il servizio di vigilanza notturna presso l’elisuperficie adiacente all’Ospedale di Arco (e per la precisione dalle ore 21:00 alle ore 08:00).

Il servizio in questione veniva eseguito molto responsabilmente da parte dei vigili del fuoco di Arco, i quali da molto tempo avevano fatto presente alla politica e alla precedente amministrazione provinciale le criticità che hanno portato a questa decisione (proponendo anche delle soluzioni peraltro). Perciò all’Azienda Sanitaria non resta che procedere ad una gara d’appalto; fino ad allora gli elicotteri dovranno atterrare su terreni ritenuti idonei distanti dal nosocomio, con la necessaria conseguenza che i pazienti dovranno esservi trasportati tramite ambulanza.

Senza dimenticarsi del lavoro importante svolto fino ad oggi da parte dei vigili del fuoco di Arco (ai quali vanno i miei più sentiti ringraziamenti), è chiaro che questo disguido porterà con sé molte problematiche per i pazienti e per la nostra macchina pubblica. I pazienti verranno portati di qua e di là come dei pacchi postali, con l’aggravante, inoltre, di dover assicurare un servizio di trasporto notturno con ambulanza dedicata per il trasporto dal Pronto Soccorso di Arco al punto dove atterra l’elicottero; tanto più se si considera che a quel Pronto Soccorso arrivano donne gravide in procinto di partorire e, proprio per questo, necessitano di arrivare rapidamente alla sala parto più prossima che si trova a Rovereto. Siamo difronte ad una sanità Trentina che paga anni e anni di tagli operati dal centro-sinistra.

È quindi più che necessario incontrare le parti coinvolte al fine di trovare una soluzione immediata, magari attraverso le proposte che sono state fatte in questi anni; un servizio essenziale come la vigilanza notturna dev’essere ripristinato, tanto più dopo che sono stati spesi centinaia di migliaia di euro per acquistare i visori notturni al fine di consentire un volo sicuro anche nelle ore con assenza di visibilità.

 

*

Claudio Cia
Consigliere provinciale di Agire per il Trentino

 

 

Nuovo PDF da immagini