News immediate,
non mediate!

CGIL CISL UIL E ACLI * ASSEGNO UNICO: « AGIRE SUBITO PER RECUPERARE PRIMA DEL VARO DEFINITIVO DEL NUOVO ASSEGNO STATALE, DALLA GIUNTA PAT SOLO SILENZIO »

Scritto da
15:19 - 25/11/2021

Assegno unico. I sostegni alle famiglie trentine oggi non si possono toccare. Cgil Cisl Uil e Acli preoccupati per l’assenza di una clausola di salvaguardia per Trento e Bolzano. “Agire subito recuperare prima del varo definitivo del nuovo assegno statale. Dalla Giunta solo silenzio”.

A pochi giorni dall’avvio del Festival della Famiglia e di fronte al silenzio della Giunta provinciale, Cgil Cisl Uil e Acli esprimono forte preoccupazione per l’impatto che l’assegno universale nazionale potrà avere sul welfare familiare trentino e, dunque, anche sulle tasche delle famiglie che risiedono in provincia. “Siamo molti preoccupati – spiegano i tre segretari provinciali Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti con il presidente delle Acli, Luca Oliver – perché, pur avendo sollecitato la Provincia da ormai due anni ad un confronto su tema delle politiche familiari, ad oggi non abbiamo alcuna comunicazione ufficiale sulle possibili modalità di coordinamento tra la nuova misura statale e quelle provinciali e tra l’Icef e l’Isee. Non sarebbe in alcun modo accettabile però che a pagare il conto di difficoltà amministrative o contabili, fossero le famiglie trentine. Le risorse per sostegni provinciali non si possono toccare”.

Nel decreto legislativo che dà il via libera al nuovo assegno nazionale per i figli, sarebbe assente una norma che renda pienamente complementari i sostegni statali con quelli provinciali. Ciò potrebbe riservare brutte sorprese ai nuclei trentini. L’urgenza per sindacati e Acli è che la Giunta provinciale faccia pressing sul governo perché nella versione definitiva del decreto sia inserita la clausola di salvaguardia che renda gli interventi di Trento e Bolzano integrativi rispetto a quelli statali, permettendo quindi di scomputarli dalle dichiarazioni Isee.

In attesa e nella speranza che ciò si concretizzi, bisogna evitare ogni ipotesi di taglio, riduzione o peggio sospensione delle misure provinciali a favore della famiglie. “Sarebbe davvero un controsenso” mettono le mani avanti i tre segretari provinciali e il presidente delle Acli. “Nel momento in cui i nuclei familiari vivono ancora l’incertezza dell’emergenza pandemica sarebbe gravissimo se si vedessero rimodulati gli assegni unici provinciali. Adesso serve ampliare gli interventi economici per i nuclei familiari con figli, sicuramente non ridurli, né sospenderli” Per questo sindacati e Acli chiedono alla Giunta massima chiarezza e maggiore condivisione nella gestione di questa delicata partita.

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.