VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

CARABINIERI – TRENTO * « FURTO AGGRAVATO AI DANNI DEL CENTRO SERVIZI CULTURALI “ SANTA CHIARA ”, ARRESTATO UN 23ENNE DEL CAPOLUOGO »

Ieri mattina, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Trento hanno tratto in arresto M. I., 23enne del capoluogo, per il reato di furto aggravato ai danni del Centro Servizi Culturali “S. Chiara” di via Santa Croce n. 67 e dalle immediate indagini sono emerse evidenze per segnalarlo in s.l., alla locale Procura della Repubblica presso il Tribunale, per un altro furto aggravato e ricettazione.

L’uomo, fermato nelle immediate vicinanze del Centro Culturale intorno alle ore 06.20 di ieri mattina, nottetempo vi si era introdotto e lo aveva svaligiato. I Carabinieri, allertati dai primi dipendenti affluiti all’inizio dei turni, lo hanno rintracciato e trovato in possesso di vari oggetti, tra cui due PC portatili e un trapano asportati dal Centro, mentre a una delle uscite di emergenza, pronta per essere portata via, è stata rinvenuta una consolle musicale, del valore di circa 2.500 euro.

Il soggetto ha cercato di giustificarsi riferendo di essere in attesa di un amico, che gli aveva consegnato gli oggetti e doveva passare a ritirarli, ma dalla visione dei sistemi di videosorveglianza interna, risultava inequivocabilmente che si era introdotto nello stabile, aggirandosi per i corridoi con una torcia in mano. Nel sopralluogo infatti, i militari hanno constatato la rottura dei vetri antisfondamento di due porte antipanico, mediante un martello, rinvenuto sul posto e sequestrato, mentre la refurtiva è stata contestualmente restituita al Direttore Tecnico, che ne aveva riconosciuto l’appartenenza al Centro Culturale.

Il responsabile è stato dunque arrestato per furto aggravato e denunciato per ricettazione, dato il ritrovamento nella sua disponibilità anche di una patente di guida, una tessera per trasporto studenti e una del Club Alpino, rubate il giorno precedente e intestate a un ragazzo di Trento, che gli aveva concesso un passaggio, oltre a una carta Postepay, rubata a una donna di Altopiano della Vigolana lo scorso 11 luglio e una tessera studenti, smarrita. Al termine, M.I. è stato ristretto presso la camera di sicurezza della Stazione Carabinieri di via Barbacovi, a disposizione della Autorità Giudiziari per la convalida dell’arresto e il contestuale giudizio direttissimo.