News immediate,
non mediate!

BORGO SACCO (TN): CIVETTINI, CAMPO NOMADI ABUSIVO CON PERICOLI PER L’INCOLUMITÀ?

Scritto da
6:40 - 27/08/2017

(Fonte: Claudio Civettini) – Già a maggio, abbiamo avuto modo di intervenire sul degrado costante e inascoltato, presente per incuria e miopia politica della gestione Itea, nel quartiere alle Fucine di Borgo Sacco, dove regna l’abbandono del parco giochi, isole ecologiche assenti con immondizie in ogni dove e un impianto d’illuminazione degno degli anni ’50, dove i lampioni irradiano una luce appena possibile per identificare il posizionamento dei loro sostegni.

Ora, dopo la protesta di qualche settimana fa per la presenza, per qualche settimana, di un camper bruciato per origini che non sarebbero ancora chiare, ma forse per tradizioni interne ai nomadi che l’abitavano, la nuova protesta dei residenti per la presenza altrettanto costante di più camper dei soliti noti, che abbandonato il campo nomadi di Marco e avuti gli appartamenti Itea delle Fucine con non pochi disagi di gestione, per la presenza di un parco nomadi che indisturbato occupa parcheggi pubblici per sostare indisturbati, utilizzare bombole esterne senza alcun rispetto della sicurezza, dei residenti non nomadi e delle regole di convivenza condominiale.

Una protesta pubblica, che ha origini più che giustificabili e che comporta, tra il resto, questioni di ordine pubblico e che interessa la gestione delle proprietà Itea degli spazi aperti al pubblico e resi disponibili.

Spazi, dove l’utilizzo e la gestione condominiale dei beni, hanno delle regole ben precise, che non possono essere disattese e non controllate, per il solito buonismo di facciata, tanto caro alla politica trentina e alla gestione Itea che oggi starebbe operando a favore di questi signori e non solo, alla faccia delle Famiglie trentine che invece, vengono indicizzate Icef e, nei casi di difficoltà, sfrattate.

A tutto ciò bisogna mettere fine, non con leggi particolari, ma con l’adozione di quelle vigenti, che possano intervenire su soste palesemente “residenze” di camper peraltro con discutibili sicurezze di circolazione, che stazionano costantemente in quegli spazi che sono di servizio alle residenze Itea del quartiere Fucine a Borgo Sacco.

Una responsabilità di controllo e garanzia di sicurezza, dalla quale Itea Spa, non può sottrarsi e dove, oltre a gestire in modo civile, la gestione dei rifiuti, delle pulizie delle proprietà, del piccolo giardino pubblico e parco giochi presente, deve anche avere e tenere sotto controllo queste presenze, attraverso adeguati accordi con la vigilanza pubblica o privata.

 

 

*

Tutto ciò premesso,  Il sottoscritto Consigliere  interroga  Il Presidente della Giunta provinciale e l’Assessore provinciale competente:

Se si sia a conoscenza della protesta dei censiti del quartiere alle Fucine di Borgo Sacco, che denunciano la presenza costante e indisturbata di un vero campo nomadi abusivo presso i parcheggi del quartiere, che genera oltre ai pericoli generici ben noti, alla occupazione costante degli spazi, anche pericoli derivanti dall’uso improprio e senza protezioni per i bambini del quartiere, di bombole per utilizzo verosimilmente domestico;

 

Se si sia a conoscenza dell’interrogazione del maggio scorso avente per titolo “ROVERETO ITEA, QUARTIERE ALLE FUCINE, PIAZZALE E PARCO GIOCHI-DEGRADO E STATO DI ABBANDONO INACCETTABILE-ISOLE ECOLOGICHE ASSENTI-MANUTENZIONE E ILLUMINAZIONE ASSENTE ED INSUFFICENTE-QUANDO SI INTENDE INTERVENIRE? “e nel caso, cosa si sia comunicato in merito ad ITEA SPA, che dovrebbe essere l’ente proprietario degli spazi e, oltre a questo, a fronte della nuova denuncia/protesta dei residenti, come si intende operare immediatamente per dare sicurezza e nel rispetto dell’ordine pubblico e del decoro del quartiere sorso;

 

Se tra i residenti ci sono famiglie o gruppi di nomadi, sono tenuti anch’essi al rispetto delle regole condominiale anche circa l’uso e la sicurezza delle aree di sosta e garage e, chi sia deputato al controllo del rispetto dei regolamenti condominiali e quali controlli siano stati fatti, o in essere, circa l’utilizzo improprio –tipo abitazione-anche dei garage interrati;

 

Cons. Claudio Civettini

LISTA CIVICA TRENTINA

 

 

 

 

 

In allegato l’interrogazione contenuta nel comunicato stampa:

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/08/cwcwxcwx-1.pdf” title=”cwcwxcwx”]
Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.