VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

BIANCOFIORE (CORAGGIO ITALIA) * NO VAX: « SARA CUNIAL ELEGGE L’ALBERGO “ CAVALLINO BIANCO “ (SAN CANDIDO – BZ) A “ DOMICILIO DI PARLAMENTARE “, È GRAVISSIMO E MINA LO STATO DI DIRITTO »

La collega Sara Cunial è passata evidentemente dalla lotta ai privilegi, dall’ideale fuorviante de” l’ uno vale uno “, grazie al quale è stato eletta nei 5 stelle, a quello della Marchesa del grillo. Per la serie “lei non sa chi sono io “ o meglio “io sono io”…e voi non siete …nessuno; “Solo che non fa affatto ridere. Il farsi beffa delle prerogative parlamentari, per consentire la violazione delle leggi che noi stessi parlamentari scriviamo, come sta facendo lei con il caso dell’albergatore di San Candido nel mio Alto Adige, è un fatto gravissimo perchè mina alla base lo stato di diritto.

La bravata di eleggere a proprio domicilio di parlamentare l’albergo Cavallino Bianco di San Candido per evitare il provvedimento di chiusura della Provincia per chi non rispetta le norme anti Covid come ha ripetutamente fatto il proprietario Hannes Kühebacher fin dall’inizio della pandemia, in barba ai tanti albergatori corretti e responsabili, è per altro un boomerang.

Se infatti l’albergo è domicilio della Cunial, la famiglia Rossi di Milano o Bianchi di Torino, non vi possono di certo soggiornare a pagamento, quindi il Kühebacher terrà aperto solo per lei , il che non mi sembra un gran guadagno.

Oppure la collega Cunial deve affittare l’intero albergo come sua sede politica, ma ovvio non con le suddette famiglie all’interno, altrimenti la polizia potrà entrare eccome, paradossalmente a tutela della parlamentare affinché l’immunità dello spazio che occupa sia inviolato (appunto dal Sig. Rossi ecc).

Che la collega Cunial fosse un imbarazzo per l’intero parlamento non è una novità, ma che ambisse a far parte di un’élite irresponsabile sovrastante leggi, popolo e scienza, merita la condanna comune di tutti i colleghi parlamentari.

Molti tra di noi, proprio perchè chi fa le leggi deve essere di esempio ai cittadini abbiamo chiesto che il Green Pass fosse obbligatorio anche per noi parlamentari, come la chiusura dei bar e della buvette alle 18.00 durante le restrizioni.

Mi auguro che il Presidente Fico dia attuazione a questa ovvia misura e che la collega Cunial se non vaccinata e quindi priva di Green Pass, possa certo non venire in parlamento continuando ad inneggiare ai no vax, ma senza ricevere la relativa indennità. Non si aiuta il turismo disertando le regole, ma solo debellando la pandemia.

 

*

Michaela Biancofiore,

Parlamentare CI e membro della dirigenza nazionale