VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

BANDA LARGA: FUGATTI E CIA, SEGNALE INADEGUATO SULL’ALTOPIANO DELLA VIGOLANA

(Fonte: Maurizio Fugatti) – Banda larga inadeguata sull’altopiano della VIgolana. Quali intenzioni da parte della provincia?

Con comunicato 832 dd 13.4.2015, l’Ufficio stampa della Provincia autonoma di Trento dava spazio alla questione della banda ultra larga affermando che entro il 2019 il Trentino sarebbe stato “all digital”.

Il piano da milioni di Euro che, secondo il comunicato citato precedentemente, avrebbe portato la Provincia ad essere la più cablata d’Italia offrendo un assist da 100 mega alle imprese, liberi professionisti, utenze domestiche, ospedali, uffici pubblici e aree industriali, in verità parrebbe presentare delle lacune in diverse zone del Trentino.

Un esempio è quello dell’Altopiano della Vigolana dove l’amministrazione comunale, vista pare l’inadeguatezza del servizio della banda larga, ha indetto una petizione popolare per portare all’attenzione della Provincia questa situazione.

Seppur vero, stante quanto sembra aver dichiarato alla stampa il Primo cittadino, che vi sia stata l’approvazione e la mappatura per il posizionamento della fibra ottica da parte di Trentino Network e la richiesta ad un importante operatore di telecomunicazioni volta a comprendere le possibilità di sviluppo della banda larga sul suolo comunale, la problematica persiste mettendo in difficoltà non soltanto i privati ma i diversi esercizi commerciali e le varie attività economiche.

Considerato che il Presidente della Provincia, in merito al tema della banda larga (contenuto del comunicato stampa poc’anzi citato), avrebbe dichiarato “Internet oggi è uno strumento fondamentale per assicurare competitività…e questo vale a maggior ragione in un territorio come il nostro…movimentare risorse così importanti potrà generare da subito un indotto stimata in circa 190 milioni di euro tra investimenti degli operatori di telecomunicazioni e gli interventi che gli utenti faranno…” , ci si chiede se davvero queste affermazioni combacino con la realtà dei fatti dato che l’Altopiano della Vigolana non pare essere l’unico luogo toccato dalla problematica.

Inoltre si ricorda che gli obiettivi infrastrutturali relativi alla banda ultra larga inseriti nell’Agenda Digitale europea prevedono per il 2020 la copertura del 100% delle utenze ad almeno 30 Mbps e per il 50% delle utenze dei servizi attivi ad almeno 100 Mbps.

 

 

Tutto ciò premesso,si interroga il Presidente della Provincia per sapere:

1. Da quanto tempo l’amministrazione comunale dell’Altopiano della Vigolana ha sottoposto all’attenzione della Provincia le problematiche legate alla banda larga e quali le risposte date da quest’ultima;
2. Quali altri Comuni, oltre all’Altopiano della Vigolana, hanno segnalato alla Provincia l’inadeguatezza della banda larga;
3. Considerati gli obiettivi infrastrutturali contenuti nell’Agenda Digitale europea, quale sia ad oggi in Trentino il quadro della situazione e se lo stesso riuscirà a rispettarli;
4. Quanto denaro si è investito finora per tutto il progetto relativo alla banda larga (specificare per ogni voce se possibile) e quali le stime relative ai prossimi interventi;
5. Considerato che un servizio inadeguato grava pesantemente sulle attività commerciali ed economiche, se la Provincia ritenga opportuno intervenire così da garantire la presenza di una banda larga davvero adeguata.

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

 

 

 

*

Cons Maurizio Fugatti

 

Cons Claudio Cia

 

 

 

 

In allegato l’interrogazione contenuta nel comunicato stampa:

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/05/170526-int-banda-larga-Vigolana-MF.pdf” title=”170526 – int banda larga Vigolana – MF”]

 

 

 

 

Foto: archivio Pat