News immediate,
non mediate!

ASSOCIAZIONE TRANSDOLOMITES * TRASPORTI – FERROVIE: PRESIDENTE GIRARDI « CONVEGNO AL MUSE (TN) IL 28/10, TRA I RELATORI IL PROFESSORE CATALANO (MINISTERO INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ) »

Scritto da
12:00 - 20/10/2021

Presentazione del del convegno sui trasporti del 28 ottobre 2021 che avrà luogo al Muse. 2020 Anno Nazionale del treno turistico ; 2021 Anno Europeo delle Ferrovie. Turismo, PNRR e European Green Deal: il treno come risorsa strategica per lo sviluppo sostenibile” è il titolo del convegno che Transdolomites propone al MUSE il 28 ottobre 2021 suddiviso in due sessioni ; Ore 09,00 – 12.00 e 14 – 18,30.

 

Loader Loading...
EAD Logo Taking too long?

Reload Reload document
| Open Open in new tab

Scarica PDF [3.31 MB]

 

Sessione della mattina
“Il treno turistico, per un turismo sostenibile”,

L’Italia possiede un patrimonio straordinario di ferrovie turistiche in grado di regalare emozioni e paesaggi mozzafiato. Grazie a ciò vi è la possibilità di promuovere una forma di turismo che permetta al viaggiatore di percorrere il nostro paese in modo sostenibile e lungo le tratte storiche delle ferrovie, ammirando paesaggi magnifici e toccando località di struggente bellezza. Esistono 800 chilometri di tratte ferroviarie in disuso e abbandonate che attraversano parchi nazionali, aree protette e territori densi di storia e cultura. Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo (MiBACT) definì il 2020 come “ l’anno del treno turistico, per un turismo sostenibile” .

L’intento era quello di investire per potenziare, promuovere e valorizzare questa forma di turismo, rispondendo all’esigenza di governare la crescita impetuosa dei flussi turistici che si prevede di registrare nei prossimi anni e che non potrà concentrarsi nelle sole grandi città d’arte, che già stanno vivendo fenomeni di sovraffollamento e che vanno tutelate. L’obiettivo è quello di promuovere un turismo sostenibile, fatto di persone che vengano in Italia a cercare le eccellenze e rispettino la fragilità del patrimonio della Penisola italiana. Questo lo si potrà perseguire promuovendo un’accessibilità sempre più diffusa sul territorio anche valorizzando il trasporto regionale in funzione turistica proprio per redistribuire e destagionalizzare i flussi.

In questo contesto, dal 2015 il MiBACT è aderente istituzionale della Fondazione FS italiane che, sotto l’egida del Gruppo, ha avviato nel 2014 il progetto Binari senza tempo. Ciò ha permesso di riaprire all’esercizio turistico, fra il 2014 e il 2018, 600 chilometri di linee ferroviarie, da Nord a Sud della Penisola.
I treni d’epoca della Fondazione FS Italiane hanno trasportato circa 100.000 persone nel 2019 ( 460 eventi treno).

Per gli interventi istituzionali interverranno Massimo Girardi, Presidente di Transdolomites e Roberto Andreatta , Dirigente generale Dipartimento territorio e trasporti, ambiente, energia e cooperazione della Provincia Autonoma di Trento.

Per gli interventi tecnici il programma prevede Stefano Maggi, Università degli Studi di Siena, storico e accademico italiano specializzato nello studio dei trasporti ferroviari e del mutuo soccorso, Valeria Mascoli per la Fondazione Ferrovie dello Stato, Anna Donati, responsabile mobilità Kyoto Club, portavoce AMODO,Massimo Ferrari: Presidente di Assoutenti/Utp (Associazione Utenti del Trasporto Pubblico), Helmuth Moroder e
Federico Rigobello della Società Veneta Ferrovie.

La sessione pomeridiana si concentra sul tema “2021 Anno Europeo delle Ferrovie. Turismo, PNRR e European Green Deal: il treno come risorsa strategica per lo sviluppo sostenibile
Ore 14,00 – 18,30

La centralità delle ferrovie nel piano di sviluppo economico e sostenibile dell’Unione è stata confermata nel 2020 dalla proposta della Commissione, appoggiata dal Consiglio, di istituire per il 2021 l’Anno europeo delle ferrovie come forma di trasporto verde, innovativa e sicura e come elemento fondamentale per una transizione verso una mobilità sostenibile e smart. E così è stato.
Il trasporto ferroviario in futuro sarà grande protagonista. Secondo la European Environment Agency, infatti, solo lo 0,5% delle emissioni generate dal settore trasporti sono da imputare ai trasporti su rotaia; al contrario, il trasporto su strada è responsabile del 73,1% delle emissioni, l’aviazione del 14,2% e i trasporti marittimi del 13,6%. E solo il trasporto su rotaia, tra le diverse modalità di trasporto, ha conosciuto una stabile e progressiva riduzione delle emissioni di gas serra a partire dal 1990.

La Commissione Europea sosterrà inoltre delle campagne di comunicazione paneuropee volte a promuovere l’Europa come meta turistica d’eccellenza. Provvederà ad organizzare una Convenzione europea sul turismo insieme alle istituzioni dell’UE, all’industria, alle regioni, alle città ed alle altre parti interessate per costruire insieme il futuro di un ecosistema turistico europeo sostenibile, innovativo e resiliente: l'”Agenda europea per il turismo 2050″.

Turismo e trasporti sono legati strettamente in questo ragionamento Allo stesso tempo sarà importante riflettere sul patrimonio ferroviario dismesso nei decenni passati e quindi la necessità di meditare sull’opportunità della sua riattivazione ovunque ve ne saranno le condizioni. Si tratta anche di ragionare sulle infrastrutture ferroviarie mancanti che, se realizzate, nel corso dei futuri decenni contribuirebbero a completare la rete ferroviaria all’interno dell’arco alpino. Ciò creerebbe le condizioni per promuovere progetti transnazionali la tra Italia, Svizzera, Francia, Austria, Germania, Slovenia

Massimo Girardi, presidente Associazione Transdolomites introdurrà i lavori , seguiranno i saluti delle Autorità provinciali. A seguire il Prof. Giuseppe Catalano, Responsabile della Struttura tecnica di missione per l’indirizzo strategico, lo sviluppo delle infrastrutture e l’alta sorveglianza del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili in rappresentanza del Ministro Enrico Giovannini, la Commissione Europea rappresentata dal Capo dell’Unità per lo “European Year of Rail”, l’Europarlamentare Herbert Dorfmann, Europarlamentare,
Mr Ekkehard Allinger-Csollich, Capodipartimento Mobilità del Tirolo ed Ezio Facchin , Assessore alla transizione ecologica,
mobilità, partecipazione e beni comuni del Comune di Trento.

Per gli interventi tecnici interverranno Alberto Venuto, Ingegnere Ambientale, il Generale Mario Pietrangeli , Consigliere Nazionale AEC ( Association Europeenne Cheminots/Ferrovieri), Walter Finkbohner ; Imprenditore, giornalista, già Direttore generale e poi consulente delle Ferrovie elvetiche. (CH) , Ing. Paolo Genovesi, di Rete Ferroviaria S.p.A, Dirigente Responsabile della Sicurezza di Rete e Qualità,Enrico Cantoni , Ingegnere dei trasporti ( società Transplan), Marcello Serra, Vicepresidente Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani Area Centro ed Italo Piffer portavoce “THT-terra tra i monti”.

L’intera giornata di lavori verrà trasmessa dalla pagina Facebook di Transdolomites.

Ingresso gratuito previa comunicazione di presenza scrivendo a Massimo Girardi, Presidente di Transdolomites girardi.massimo@brennercom.net , cell. 320.4039769, e ingresso alla Sala conferenze muniti di Green pass, e mascherina.

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.