ARCIDIOCESI DI TRENTO * LITURGIA FUNEBRE MICHELA RAMPONI: L’ARCIVESCOVO LAURO TISI, ” L’AMORE HA L’ULTIMA PAROLA, LA MORTE AGGREDISCE MA NON PUÒ SPEGNERE L’AMORE ” (OMELIA)

“L’amore ha l’ultima parola. La morte aggredisce ma non può spegnere l’amore. Con l’angoscia nel cuore ma con la certezza della fede dico che questa nostra sorella è nel Signore. Michela, siediti accanto a Stefano, Arianna e Francesca alla tua mamma e al tuo papà, a tuo fratello e di’ loro che vivi in Dio e ti farai sentire con la tua premura di madre”.

Con queste parole l’arcivescovo Lauro Tisi ha concluso l’omelia della liturgia funebre con cui la comunità di Dimaro e della val di Sole hanno dato l’estremo saluto a Michela Ramponi, la mamma 45 enne travolta e uccisa da una colata di fango lunedì sera nella sua casa di Dimaro.

Da parte di monsignor Tisi – prima del commosso ricordo dei familiari della vittima, dei compagni di classe delle figlie Arianna e Francesca, e degli amici di Michela – un pensiero agli sfollati e un “grazie” accorato all’intera comunità di Dimaro così duramente colpita e a tutti coloro, professionisti e volontari, che, oltre alle ore dell’emergenza, si stanno operando per un graduale ritorno alla normalità, dando una “dimostrazione di enorme dignità e umanità”.

 

2018 10 31 - Omelia in morte di Michela Ramponi