News immediate,
non mediate!

ANPI – TRENTINO * MANIFESTAZIONI: « METTERE IN RELAZIONE IL GREEN PASS O IL VACCINO CON L’OLOCAUSTO È DEMENZIALE, SI NEGA QUALSIASI LINGUAGGIO DI VERITÀ »

Scritto da
10:10 - 10/11/2021

Con l’esibizione di un partecipante con indosso la casacca a righe dei deportati all’ultima manifestazione per le vie di Trento contro la politica sanitaria del governo si è raggiunto e superato ogni limite.

Paragonare le misure per contenere la pandemia ai lager nazisti e alle vicende più tragiche della nostra storia, oltre a costituire una aberrante e inaccettabile falsificazione storica, offende in primo luogo i milioni di persone – donne, uomini, vecchi e bambini di ogni etnia e nazione – che sono state deportate, violentate, torturate, umiliate e annientate prima ancora di essere uccise.

Mettere in relazione il green pass o il vaccino con l’Olocausto è demenziale e oltraggioso dei sentimenti di quanti hanno subito quella sorte, dei loro familiari e di una intera comunità nazionale che proprio su quelle memorie hanno costruito i propri sentimenti di pace, tolleranza ed umanità, condensati nella Costituzione repubblicana ed antifascista. Si nega in questo modo qualsiasi linguaggio di verità e insieme qualsiasi possibilità di dialogo.

Qui sta l’elemento di riflessione più profondo e suscita ancor più sgomento il fatto che nessuno tra gli organizzatori delle proteste e di quanti nelle manifestazioni parlano di “dittatura”, “di privazione della libertà”, di “negazione dei più elementari diritti” abbia avvertito il dovere, prima di tutto morale, di condannare questo episodio e di dissociarsi da tali vili comportamenti.

Lasciamo stare anche, i richiami ancora offensivi alla “resistenza ora e sempre”, che nulla hanno a che spartire con i valori che hanno ispirato le donne, gli uomini, i giovani che nell’ora più buia per la libertà e la democrazia hanno saputo difendere l’onore e la dignità di tutti.

 

*

Anpi del Trentino

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.