VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

ANNULLAMENTO CONCORSO CENTRALE 112: CIA, SISTEMA MARCIO DA SANARE RADICALMENTE

(Fonte: Claudio Cia) – La decisione della Giunta provinciale circa l’annullamento del concorso pubblico per esami per un posto a tempo indeterminato alla Cue è un atto di responsabilità. Ma come spesso accade, quando il sistema è marcio, anche il riconoscere una responsabilità si conclude con un nulla di fatto.

Una sorta d’infantilismo amministrativo di chi ammette la colpa come mossa decisiva per auto-assolversi e continuare a far finta di niente. È il sistema che va sanato radicalmente per trasformarlo in meritocratico, per davvero, a salvaguardia della democrazia.

Non è una scoperta di oggi che anche in Trentino i concorsi pubblici funzionano come da altre parti, in un regime simil mafioso. Nel riconoscere la propria responsabilità occorre la disponibilità a valutare effettivamente il danno subito dalla nostra provincia, e non solo a livello d’immagine.

È irreparabile lo schifo alimentato da questo stato di cose nella idealità giovanile, di chi ha dedicato la vita allo studio per formarsi una professionalità che non potrà mai spendere nella propria terra perché non dentro il cerchio magico costituitosi sulla corruzione sistematica.

Se il presidente Rossi saprà valutare anche questo aspetto, in tutta la sua gravità, quanto emerso in occasione di questo concorso, sarà un bel giorno per la democrazia… altrimenti, come al solito, niente fermerà più la fuga dei giovani da un Trentino dove i conflitti di interessi hanno ucciso ogni speranza.