News immediate,
non mediate!

AMBROSI (FDI – TRENTINO) * PARA-BIATHLON VAL DI FIEMME: « PARALIMPIADI 2026, OPPORTUNITÀ TERRITORIALE ALL’AVANGUARDIA PER UN “TURISMO ACCESSIBILE“ »

Scritto da
16:31 - 20/10/2021

Para biathlon e Para Cross Country in Val di Fiemme. Ambrosi (Fratelli d’Italia): “Un’opportunità da cogliere per portare il Trentino all’avanguardia nell’ambito del turismo accessibile”.

La scelta del cluster della Val di Fiemme quale sede delle competizioni di Para Biathlon e Para Cross Country per le Paralimpiadi del 2026 rappresenta motivo d’orgoglio per un Trentino che nei prossimi anni dovrà necessariamente presentarsi sempre più come destinazione turistica all’avanguardia anche nell’accessibilità ed inclusività per le persone con disabilità. Vi sono ancora troppi ostacoli, legati ai servizi e alle infrastrutture, che limitano le potenzialità del nostro territorio di consentire a chiunque di trascorrere la propria vacanza sulla base di desideri personali, e non per il livello di accessibilità di un luogo.

Ostacoli che vanno rimossi, non solamente per basilari questioni etiche, ma anche economiche: il mercato del turismo accessibile è infatti costituito da 127 milioni di clienti in Europa, 54 milioni in America e 34 milioni in Medio Oriente. Si tratta di persone che, come emerge da rilevazioni statistiche, tendono a muoversi con maggiore frequenza, per periodi più lunghi e con una spesa superiore rispetto alla media dei turisti. Il turismo accessibile rappresenta quindi un’opportunità per tutto il Trentino, ed in particolare per quelle località un tempo a forte trazione turistica, che ora vivono una fase di contrazione a causa di problematiche strutturali e delle conseguenze della pandemia.

In questi giorni è al vaglio della Seconda commissione un Ddl sul turismo accessibile che ho voluto presentare per promuovere un ruolo più attivo della Provincia nel puntare su questa tipologia di turismo e fare del Trentino il fiore all’occhiello dell’offerta turistica inclusiva e accessibile. Si tratta, è qui la sfida e la grande novità, di un disegno di legge volto a promuovere il cambiamento culturale, che non si limita a disciplinare aspetti legati al miglioramento di strutture o infrastrutture, ma valorizza un concetto di inclusività a 360 gradi per portare il Trentino in prima linea nell’accoglienza delle persone con bisogni speciali.

 

*

Cons. Alessia Ambrosi

Categorie Articolo:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.