News immediate,
non mediate!
Categoria news:
OPINIONEWS

AMBROSI (FDI – TRENTINO) * CHICO FORTI: « CHE FINE HA FATTO LA PROMESSA DEL SUO RITORNO IN PATRIA? »

Scritto da
15.24 - giovedì 19 maggio 2022

Ambrosi (Fratelli d’Italia): “Che fine ha fatto la promessa sul ritorno in patria di Chico Forti?”

Il 23 dicembre 2020, il Ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio annunciava via Facebook, con toni solenni e trionfalistici, il ritorno in Italia di Chico Forti grazie all’accoglimento dell’istanza di scontare la pena in Italia, come previsto dalla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Magnificando il proprio operato, Di Maio diceva: “Queste sono le cose che ripagano tutto il lavoro che facciamo e le tante difficoltà che incontriamo, perché parliamo della vita delle persone, e della giustizia della vita delle persone. (…)

Le persone mi chiedevano perché non davo dettagli su quanto stavo facendo per Chico, perché questo è un lavoro silenzioso. (…) Lavoro sottoterra delle diplomazie e del Ministero degli Esteri.” Leggere oggi queste affermazioni, dopo un anno e mezzo, provoca rabbia e tristezza, sentimenti dovuti al fatto che quanto dice Di Maio è assolutamente vero: si parla proprio della vita di una persona, di un uomo che da oltre 20 anni è rinchiuso in un carcere della Florida, e dei suoi cari che sono vicino a lui in questa battaglia.

Persone che meritano rispetto e serietà da parte delle istituzioni. Di Maio ha inoltre assolutamente ragione nel dire che la diplomazia deve lavorare sottotraccia (non sottoterra), a fari spenti, perché è un’arte che richiede pazienza, tatto, finezza e capacità negoziali. Ecco, si tratta di qualità e capacità che il Ministro degli Esteri ha dimostrato di non possedere, illudendo, con un video essenzialmente propagandistico, Chico Forti e i suoi familiari di un trasferimento che si sta rivelando ben più complesso di quanto il tono trionfale di Di Maio lasciasse intravedere.

Nel frattempo, Chico Forti ha dichiarato di “avere addosso tanta rabbia e rancore” per questa attesa, e lo zio Gianni Forti ha ribadito che “con le promesse la situazione non si sblocca”. Il Ministro di Maio si trova in questi giorni negli Stati Uniti, a New York, per presentare all’ONU un piano (piuttosto vago nei contenuti) per la pace tra Ucraina e Russia.

Auspico fortemente che utilizzi questa occasione per lavorare seriamente e concretamente al trasferimento di Forti in Italia. Confido che abbia imparato la lezione e che, lavorando sottotraccia, ai proclami sui Social network prediliga oggi la moderazione e la pazienza nel trattare per avere davvero Chico Forti qui in Italia al più presto.

 

*

Cons. Alessia Ambrosi

Categoria news:
OPINIONEWS

I commenti sono chiusi.