VIDEONEWS & sponsored

(in )
Riceviamo e pubblichiamo integralmente:

AGGRESSIONE ORSO TRENTINO: FUGATTI, NON OPPORTUNO INTERVENTO GROFF A RAI 3

(Fonte: Maurizio Fugatti) – “Dichiarazioni Groff su aggressione orso. posizione non oggettiva e rischio gravi ripercussioni sul Trentino. Forse non opportuno che intervenga sul tema.”

Claudio Groff, responsabile del settore Grandi carnivori del Servizio Foreste e fauna della Provincia di Trento, nella mattinata di ieri è intervenuto nel programma Radio 3 Scienza in relazione all’aggressione dell’orso ai danni di A.M., verificatasi il 22 luglio scorso nelle vicinanze dei laghi di Lamar.

I quotidiani locali di oggi riportano quanto dichiarato da Groff ai microfoni della Rai, testualmente ne riportiamo un frammento significativo: «Parlando con il diretto interessato ci ha detto che stava passeggiando con il suo cane quando ha sentito una presenza alle spalle. Vedendo l’orso, l’uomo ha reagito con una bastonata, scatenando l’ira dell’animale.

Ovviamente non abbiamo la versione dell’orso che ci possa confermare la cosa, ma questa potrebbe essere una ricostruzione attendibile».

Evidente parrebbe che quanto dichiarato da Groff, lasci intravedere l’ipotesi che sarebbe stato il pensionato A.M. ad aggredire per primo l’animale e non viceversa.

Non intendendo entrare nel merito della veridicità delle informazioni diffuse da Claudio Groff, sottolineiamo però che il suo ruolo di Responsabile del settore Grandi Carnivori, che da anni coordina e promuove il Progetto Life Ursus sul territorio, di per sé priva le dichiarazioni formulate di quell’oggettività che, a nostro parere, sarebbe necessaria per trattare la tematica, considerate soprattutto le ripercussioni che dichiarazioni di questo tipo possono comportare per il Trentino.

Non comprendiamo come si possa ritenere imparziale, adeguato ed opportuno che in relazione alle delicatissime criticità emerse circa il Progetto Life Ursus – visibilmente sfuggito da ogni controllo e fallito sotto ogni aspetto – interceda pubblicamente il maggiore responsabile tecnico del progetto, il quale riteniamo abbia legittimamente investito nello stesso la propria attività professionale dal momento della nascita del progetto Life Ursus in Trentino ad oggi.

Provocatoriamente chiediamo, in un linguaggio forse più familiare ai sostenitori del Progetto Life Ursus, “Quale orsa non difenderebbe il proprio cucciolo di fronte al pericolo?”, certi di conoscere quale sia la risposta.

 

 

*

Tutto ciò premesso, si interroga il Presidente della Provincia per sapere:

 

Se la Provincia non ritenga che il ruolo di Responsabile del settore Grandi Carnivori svolto da Claudio Groff, che da anni coordina e promuove il Progetto Life Ursus sul territorio, privi di per se le dichiarazioni formulate in relazione al Progetto di quell’oggettività che, a nostro parere, sarebbe necessaria per trattare la tematica;

Se Claudio Groff sia intervenuto ai microfoni di Radio 3 Scienza su mandato dell’Assessore competente o della Giunta;

Se la Provincia non ritenga opportuno evitare che Claudio Groff, considerata la posizione ricoperta, intervenga pubblicamente in relazione ad episodi di questo tipo, considerate soprattutto le gravi ripercussioni che le dichiarazioni rilasciate possono avere sul Trentino.

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

 

 

In allegato l’interrogazione contenuta nel comunicato stampa:

[pdf-embedder url=”https://www.agenziagiornalisticaopinione.it/wp-content/uploads/2017/08/170801-Int-dichiarazioni-Groff-MF.pdf” title=”170801 – Int dichiarazioni Groff- MF”]

 

 

 

 

Foto: da video Provincia Trento