News immediate,
non mediate!

Gianpiero Lui – Candidato sindaco Rovereto (Tn)

Categoria news:
OPINIONEWS TN-AA

CASA AUTONOMIA.EU * REPLICA A SPINELLI: « DIMISSIONI GIOVANI, LETTERA DELL’ASSESSORE IN CONCOMITANZA CON LA PRESENTAZIONE DEL SUO SIMBOLO DI LISTA »

Scritto da
16.24 - lunedì 1 maggio 2023

(Il testo seguente è tratto integralmente dalla nota inviata all’Agenzia Opinione) –

///

 

Come giovani di Casa Autonomia, avendo letto i pezzi pubblicati negli ultimi giorni sul tema delle dimissioni giovanili di massa e, in particolare, la lettera dell’assessore Spinelli, abbiamo di condividere con voi il nostro pensiero a riguardo.

In allegato la lettera del gruppo in risposta a ciò che ha scritto l’assessore ieri.

 

Gentile Direttore,
Noi, Giovani di Casa Autonomia.eu, avendo letto gli articoli sul tema delle dimissioni e in particolare la lettera dell’Assessore Spinelli comparsa ieri sulle pagine dei quotidiani trentini, desideriamo aggiungere qualche riflessione sul tema.

Il problema delle dimissioni dei giovani è per noi molto sentito: chi lascia il proprio posto di lavoro è la nostra migliore amica, nostro cugino, la nostra fidanzata o proprio uno di noi. La Provincia si sta attrezzando per affrontare questo nostro futuro? Beh, deve essere così. La nostra Autonomia consente alla Provincia di farlo, quindi il minimo è che ci provi.

Quello che ci preoccupa di più è la Visione che c’è dietro all’intervento della Provincia. Non ci sfugge che la lettera dell’Assessore sia arrivata in concomitanza con la Festa del Primo Maggio. Non ci sfugge che la lettera dell’Assessore sia arrivata in concomitanza con la pubblicazione dei dati sull’occupazione da parte dell’Agenzia del Lavoro. Ma non ci sfugge neanche che la lettera dell’Assessore sia arrivata in concomitanza con la presentazione del simbolo della sua lista. Ecco, è stato messo tutto sullo stesso piano: la Festa del Lavoro, la gravità dei dati pubblicati e la lista “Fugatti Presidente”.

Ma se le cose stanno così, come si fa a fidarsi fino in fondo? Noi siamo più concreti: se è in atto un cambio culturale che non è cominciato ieri ma con il COVID, vorremmo capire le proposte della Provincia per interpretarlo, non sentirci dire: “Siamo pronti” il Primo Maggio e poi vedere che si pensa alle liste, anche il Primo Maggio.

Vogliamo concludere cercando di aprire una riflessione sui dati di chi cerca lavoro e di chi si dimette, che possono essere letti così: noi giovani cerchiamo la stabilità del mercato del lavoro – cioè vogliamo lavorare, cambiando il “dove” – mentre siamo sempre stati abituati che stabilità del lavoro = non cambiare mai il “dove”.

E’ una questione di priorità e di peso che si dà al “lavoro”. Chi vuole veramente interpretare la questione deve mettere al centro noi giovani, deve confrontarsi con noi giovani sempre più. Tenendo anche conto che in Trentino abbiamo un’Università di prestigio e numerosissime associazioni piene di giovani volenterosi, l’operazione dovrebbe essere assolutamente semplice. Anche perché, alla fine dei conti, siamo noi i lavoratori di domani. Altrimenti, e chiudiamo con una battuta, chi la pagherà la pensione a chi oggi si dovesse sbagliare a interpretare i nostri bisogni?

Buona Festa del Lavoro,

 

*
I Giovani di Casa Autonomia.eu

Categoria news:
OPINIONEWS TN-AA
© RIPRODUZIONE RISERVATA
DELLA FONTE TITOLARE DELLA NOTIZIA E/O COMUNICATO STAMPA

È consentito a terzi (ed a testate giornalistiche) l’utilizzo integrale o parziale del presente contenuto, ma con l’obbligo di Legge di citare la fonte: “Agenzia giornalistica Opinione”.
È comunque sempre vietata la riproduzione delle immagini.

I commenti sono chiusi.