PROVINCIA AUTONOMA TRENTO

Covid-Free (12ma puntata format Tv)

Intervista al fondatore e Segretario Generale della Fondazione Italia Usa, professore Corrado Maria Daclon (a cura di Luca Franceschi, direttore Opinione) –

https://www.italiausa.org

 

Professor Daclon, lei essendo fondatore e Segretario Generale della Fondazione Italia Usa certamente potrà fare capire al lettore quali sono le aree di azione della vostra organizzazione internazionale e -soprattutto- quali sono le “ricadute” per il Paese Italia…

Le iniziative sono sempre molte, incontri bilaterali, visite di studio, seminari di approfondimento e tanto altro. Possiamo ricordare tra le tante il nostro master online in global marketing comunicazione e made in Italy, organizzato per favorire l’internazionalizzazione dei giovani verso gli Stati Uniti. Per queste attività formative la Fondazione è anche membro del programma delle Nazioni Unite “United Nations Academic Impact”.
Poi abbiamo ogni anno il Premio America, un riconoscimento di grande valore civile ed istituzionale conferito alla Camera dei Deputati e il cui obiettivo è riconoscere e stimolare iniziative ed opere volte a favorire i rapporti tra Europa e Stati Uniti d’America. Vengono quindi premiate alte personalità di chiara fama, e di assoluta eccellenza nei rispettivi campi di interesse ed attività, che si siano distinte per il loro operato ed abbiano raggiunto importanti risultati a favore dell’amicizia transatlantica.
Riguardo il nostro master la Fondazione eroga ogni anno, ormai da sei anni, mille borse di studio a copertura totale destinate a neolaureati meritevoli, che ricevono anche un attestato di merito per il loro talento nell’ambito di una cerimonia che si tiene presso la Camera dei Deputati. E’ per noi un grande sforzo in termini di risorse umane ed economiche. Ma vediamo i risultati. Moltissimi dei nostri studenti ora sono all’estero e lavorano in importanti realtà, altri ci scrivono che sono riusciti a realizzare progetti e iniziative professionali, o hanno trovato una collocazione in importanti imprese. Ecco, questa per noi è la soddisfazione più significativa, la prova che abbiamo scommesso sul talento e sulla passione dei giovani, e abbiamo vinto.

 

 

Quali persone e personalità compongono la Fondazione Italia Usa e quali sono i criteri di “engagement”, di appartenenza e coinvolgimento?

La Fondazione è composta da oltre 120 tra le più alte e importanti personalità del mondo istituzionale, diplomatico, giornalistico, scientifico e culturale del nostro Paese. Il criterio di appartenenza è molto semplice, la nostra Fondazione ha come unico ed esclusivo scopo quello di promuovere l’amicizia tra i due Paesi e far conoscere la vera America in Italia, al di fuori delle tante distorsioni che spesso presentano gli Stati Uniti in modo errato. L’unico requisito dei nostri membri, se così possiamo chiamarlo, è quello di impegnarsi a promuovere questa amicizia che, nei secoli, è stata già confermata dalla storia. Nel nostro sito c’è la sezione delle persone che fanno parte della Fondazione ( link  https://www.italiausa.org/staff ).

 

 

Il presidente americano Donald Trump, anche in Italia, è spesso aprioristicamente criticato, con un pregiudizio che -sia da parte di alcuni media che dai cittadini- spesso è palese… Perché scatena tali istinti di avversione ?

Donald Trump è il primo presidente ad aver vinto contro i media, contro i sondaggi, contro il partito democratico e, va ricordato con chiarezza, anche contro il partito repubblicano che gli ha scatenato contro, durante le primarie e la campagna elettorale, un boicottaggio senza precedenti nella storia americana.
Dovremmo chiederci perché i media e i sondaggi non siano stati in grado, direi in molti casi non abbiano voluto percepire quanto invece a diversi osservatori appariva chiaro sin dalle fasi della campagna elettorale presidenziale. Come la totalità dei media americani non abbia avvertito il profondo malessere sociale che vive la popolazione americana è abbastanza curioso.
Continuare a pensare, come facciamo spesso in Italia con grande provincialismo, che quello che scrive il New York Times è quello che pensa l’America rappresenta il classico errore che porta a sottovalutare fenomeni come Trump. Se qualche migliaio di newyorkesi benestanti e spesso annoiati legge il New York Times, altri 300 milioni di americani leggono solo il giornale della loro contea, o meglio non leggono nulla, o guardano sporadicamente qualche canale televisivo, o ascoltano la radio locale. Purtroppo anche molti dei giornalisti americani, spiace dirlo, non hanno ancora compreso che Park Avenue non è l’America.

 

 

Siete mai stati sollecitati ad attivarvi per fare arrivare in Italia il detenuto trentino Chico Forti, da circa 20 anni in prigione negli Stati Uniti d’America? Se sì, quali azioni avete concretato?

La nostra Fondazione non può sovrapporsi ai governi e alle normali attività diplomatiche in merito a casi di questo tipo. Le faccio un esempio che vale esattamente anche per Chico Forti. Ci siamo occupati molto del caso di Amanda Knox. Io stesso ero nella vettura insieme a lei quando è stata scarcerata e ho curato personalmente tutte le fasi della partenza che l’hanno riportata finalmente a casa.
Ci siamo interessati al caso per verificare la sua condizione di detenuta in attesa di giudizio, anche alla luce della fortissima eco che ciò aveva avuto negli Stati Uniti. Un interessamento, quella per Amanda Knox, che andava al di là di qualsiasi considerazione sullo svolgimento e sugli esiti del processo: temi questi che competono unicamente alla magistratura giudicante del Paese. Per Chico Forti vale lo stesso criterio.

 

 

Dal vostro osservatorio privilegiato quali sono le caratteristiche primarie circa le alleanze politico-economiche dell’Italia su scala mondiale con Cina, Russia, Usa?

Le nostre alleanze sono ben chiare e delineate, e guardano all’Atlantico, non a oriente. Le derive a cui assistiamo da qualche anno in Europa, con alleanze economiche e non solo economiche che potremmo definire “à la carte” non portano molto lontano. Certo, l’esperimento europeo visto dall’esterno è molto più vicino al fallimento che ad un successo: non esiste una politica estera comune, non esiste una politica di difesa comune, non esiste una intelligence comune, tutte singolarità mai accadute nella storia. Ogni Stato pensava prima di tutto ad avere un proprio esercito e una diplomazia, prima di battere moneta.
E’ facile, in una posizione di tale debolezza geopolitica, l’infiltrazione di fenomeni come la Via della Seta. Ma chi decide di invertire delle alleanze storiche rischia di consegnare alla storia, suo malgrado, un’eredità devastante.

 

 

Segretario Generale, quali esperienze possiamo sviluppare dall’epidemia mondiale Covid, in previsione dei nuovi assetti sanitari futuri e le relative condizioni di circolazioni di persone e merci nel mondo?

Pur consapevoli di queste problematiche, la Fondazione da statuto ha come missione unicamente ed esclusivamente far conoscere l’America agli italiani. La Fondazione non si occupa, né da statuto può occuparsi, di temi che non afferiscano direttamente e nello specifico alla promozione della cultura americana in Italia. Non ci occupiamo di tematiche sociali o globali, che allargherebbero il quadro ad un approccio planetario troppo ampio.

 

 

*

People who attended our events

 

Linda Lanzillotta
Valdo Spini
Fiamma Nirenstein
Antonio Martino
Luca Cordero di Montezemolo
Gerardo Sacco
Silvia Salemi
Vincenzo Scotti
Osvaldo Napoli
Alberto Bagnai
Pier Ferdinando Casini
Carlo Jean
Pina Picierno
Rosalia Misseri
Cinzia Th Torrini
Giancarlo Innocenzi
Giorgia Meloni
Paola Pelino
Franco Bassanini
Gabriella Carlucci
Alain Elkann
Justine Mattera
Clarissa Burt
Iva Zanicchi
Max Lazzari
Janet De Nardis
Claudio Velardi
Daria Baykalova
Edmondo Cirielli
Stefano Ceccanti
Elvira Savino
Alfredo Mantovano
Peter Secchia
Carlo Giovanardi
Deborah Bergamini
Alessandra Ghisleri
Lavinia Biagiotti
Jole Santelli
Benedetta Valanzano
Giorgio Tonini
Maria Rosaria Rossi
Roberto Arditti
Beatrice Lorenzin
Luisa Todini
Giorgio La Malfa
Laura Ravetto
Giorgio Lainati
Corrado Maria Daclon
Alfredo Mantica
Michele Cucuzza
Lanfranco Tenaglia
Ermete Realacci
Luca Palamara
Dorina Bianchi
Dario Franceschini
Fabrizio Cicchitto
Augusta Iannini
Franco Debenedetti
Pino Pisicchio
Giampiero Gramaglia
Giuseppe Roma
Nicola Rossi
Emilio Carelli
Luigi Zanda
Renato Brunetta
Sandro Bondi
Maria Stella Gelmini
Renato Calabria
Elisabetta Gardini
Emanuele Filiberto di Savoia
Mauro Fabris
Catia Polidori
Federica Mogherini
Olimpia Troili
Franca Sozzani
Paolo Nespoli
Marcello Foa
Melania Rizzoli
Enrico Mentana
Cesare Lanza
Brunello Cucinelli
Corrado Ocone
Manuel Agnelli
Romana Liuzzo
Maria Latella
Elena Bonelli
Curtis M. Scaparrotti
Anna Fendi
Paolo Limiti
Sara Marcozzi
Danny Quinn
Paolo Mazzanti
Nicola La Torre
Giuseppe Chiaravalloti
Fiorella Ceccacci Rubino
Federico Fazzuoli
Antonio Marini
Giovanna Melandri
Gabriella Pession
Laura Tecce
Simona Marchini
Cesara Buonamici
Luca Josi
Metis Di Meo
Maurizio Caprara
Gian Maria Fara
Lapo Elkann
Moreno Marinozzi
Joseph La Palombara
Lapo Pistelli
Gabriella Giammanco
Stefania Craxi
Paola Saluzzi
Giovanni Castellaneta
Luca Zaia
Veronica Maya
Massimo Ferragamo
Giulio Borrelli
Annagrazia Calabria
Lucio Stanca
Ubaldo Livolsi
Maria Laura Baccarini
Walter Veltroni
Igor Man
Ennio Morricone
Franco Frattini
Jo Champa
Uto Ughi
Mario Andretti
Luigi Ramponi

Bebe Vio
David Zed
Fulco Pratesi
Vincenzo Camporini
Roberta Pinotti
Debora Serracchiani
Boris Biancheri
Giorgio Mulè
Pippo Franco
Stefano Caldoro
Andrea Bocelli
Renato Balestra
Maria Grazia Cucinotta
Renzo Arbore
Santo Versace
Piero Fassino
Paolo Mieli
Maurizio Sacconi
Umberto Paolucci
Antonio Polito
Ferruccio Fazio
Souad Sbai
Eugenia Roccella
Angelo Maria Petroni
Jessica Polsky
Edward Luttwak
Antonio Campo Dall’Orto
Carlo Rossella
Raffaella Leone
Sforza Ruspoli
Maria Pia Garavaglia
Laura Biagiotti
Jeremy Rifkin
Roberto Mezzaroma
Carlo Toto
Amedeo Minghi
Sara Brusco
Alberto Bombassei
Roberta Lombardi
Annaelsa Tartaglione
Carlo Cracco
Luigi Contu
José Maria Aznar
Simona Agnes
Flaminia Bolzan
Sophia Galazzo
George G. Lombardi
Laura Cioli
Vittorio Zucconi
Antonio Di Bella
Nathalie Rapti Gomez
Ennio Caretto
Livia Azzariti
Carla Fendi
Simonetta Matone
Ombretta Colli
Rita Rusic
Antonella Mansi
Guido Bagatta
Benedetta Rinaldi
Paul Bremer
Nicoletta Mantovani
Enrico Vanzina
Elly Schlein
Oscar Farinetti
Gianni Riotta
Emma Bonino
Giuseppe Fioroni
Ernesto Carbone
Gianni Letta
Anna Coliva
Guido Damiani
Roberto Speranza
Stefania Giannini
Ginevra Elkann
Alan Friedman
Carlo Ferro
Giorgio Dell’Arti
Margherita Missoni
Mel Sembler
Myrta Merlino
Ivo Pulcini
Frank J. Guarini
Virginie Vassart
Umberto Veronesi
Rinaldo Petrignani
Lucia Annunziata
Armando Varricchio
Enrico Singer
Giuseppe Moles
Lucio Caracciolo
Umberto Vattani
Stefano Dambruoso
Chiara Moroni
Lucia Goracci
Mario Moretti Polegato
Antonio Marzano
Monica Maggioni
Marco Bianchi
Beatrice Trussardi
Jas Gawronski
Ronald Spogli
Christian De Sica
Alessandro Benetton
Giovanni Malagò
Tony Renis
Alessio Vinci
Gabriella Farinon
Simonetta Giordani
Attilio Romita
Alessandro Minuto Rizzo
Alberto Angela
Giovanni Allevi
Aurelio De Laurentiis
John Phillips
Anders Fogh Rasmussen
Gualtiero Marchesi
Nerio Alessandri
Guenda Goria
Giuseppe Consolo
Mario Calabresi
Joe Bastianich
Valentina Cervi
Alberta Ferretti
Silvio Garattini
Bruno Vespa
Tony Iwobi
Piero Antinori
Didi Leoni
Monica Marangoni