News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LETTERE AL DIRETTORE

LORENZO RIZZOLI * POST ELEZIONI: « FDI BATTE CASSA, TUTTO VERO O STRATEGIA POLITICA? ESSERE BLOCK-FREI NON PORTA DA NESSUNA PARTE »

Scritto da
11.39 - mercoledì 28 settembre 2022

Leggendo la stampa odierna è chiaro come FDI, forza politica vincitrice delle ultime elezioni politiche, voglia smuovere qualcosa in Provincia Autonoma di Trento.

FDI evidenzia la gravità dell’atto politico messo in atto da Progetto Trentino alle ultime elezioni politiche dello scorso 25 settembre. Infatti, non solo Progetto Trentino ha dichiaratamente appoggiato la lista SVP/PATT, ma addirittura aveva inizialmente dato il nome del Vicepresidente della Giunta Provinciale Mario Tonina da inserire nella lista dei candidati SVP/PATT. Secondo FDI, ma il pensiero è comune anche a molti militanti della LEGA e delle altre forze politiche, il ruolo di Mario Tonina è da mettere in discussione, così come è da mettere in discussione il ruolo di Progetto Trentino all’interno della Giunta Provinciale.

Da parte sua Progetto Trentino evidenzia che tra il presidente Fugatti e Progetto Trentino c’è solamente un accordo finalizzato alle elezioni provinciali 2018 e non un accordo di natura politica; pertanto, il problema non esiste.

Mi viene da pensare che questa situazione o non è stata ben spiegata dal presidente Fugatti alle altre forze politiche di coalizione, oppure non è stata ben compresa, oppure non è stata ben digerita. Mi viene da paragonare questa situazione a quella nazionale di 5 anni fa…LEGA e MOVIMENTO 5 STELLE, forze politiche dai principi politici totalmente diversi, ma con un accordo tecnico di governo…sappiamo però tutti come è andata a finire.

Ho letto poi ieri che alcune forze politiche hanno evidenziato massima disponibilità a sedersi al tavolo se la presunta futura premier Meloni avesse bisogno…dichiarazioni di questo tipo evidenziano “disponibilità da parte di altri politici” o “voglia di altri politici di emergere e cercare un risultato non pienamente arrivato il 25 settembre 2022”. Io credo che se una forza politica perde le elezioni deve sedersi al tavolo dell’opposizione; se la proposta di governo ha i numeri, va votata la fiducia, per il bene del paese.

Per il bene del paese occorre poi appoggiare proposte di riforme che possono essere migliorative per il nostro paese ed occorre fermare quelle pericolose. Questo, a mio modo di vedere le cose, è fare POLITICA.

Tornando al tema principale, penso che in politica essere ambigui non porti da nessuna parte. Occorre essere chiari sin da subito dove si vuole stare e cosa si vuole fare. L’essere block-frei non porta da nessuna parte, ma porta solamente ambiguità. L’essere block-frei lo equivalgo a fare accordi di governo con forze politiche dai principi totalmente diversi. L’essere block-frei oggi equivale a sostenere la coalizione che ti offre di più in cambio di un appoggio di governo: MA QUESTA E’ POLITICA?

*
Lorenzo Rizzoli – #inmovimento

Categoria news:
LETTERE AL DIRETTORE

I commenti sono chiusi.