PROVINCIA AUTONOMA TRENTO
Covid-Free (27ma puntata format Tv)

L’esito della tornata elettorale sul comune di Trento ha evidenziato una cosa: il CENTRO, se corre da solo, fa poca strada. Questo lo evidenziano i numeri. Marcello Carli e Silvia Zanetti si sono presentati come candidati sindaco staccati sia dal centrosinistra che dal centrodestra. Non vi sono state nemmeno le condizioni per unire le forze (il che rimane un grande mistero), e questo ha fatto sì che il risultato sia stato solamente dell’8,88% (Carli 5,32%, Zanetti 3,56%). Risultato deludente, non si può dire il contrario. La coalizione a sostegno di Marcello Carli doveva superare il 10-15%, mentre SI PUÒ’ FARE puntava all’8-10%. Obiettivi ambiziosi, forse troppo dato l’esito del voto.

Il PATT è la forza politica che, forse, ha realizzato un risultato positivo rispetto alle sue aspettative: 7,81%, risultato inferiore di soli 2 punti percentuali rispetto al risultato del 2015. Ma non dimentichiamo che nel 2015 il Presidente della Provincia Autonoma di Trento era Ugo Rossi, esponente del PATT, mentre oggi a governare la Provincia c’è Maurizio Fugatti, esponente della LEGA.

Il PATT, se fosse stato coerente con il percorso che iniziò a fare alla fine dell’anno 2019 ed inizio 2020, avrebbe partecipato alle elezioni comunali di Trento 2020 staccato dagli estremismi del PD e di FUTURA. Aveva dato vito ad un POLO CIVICO POPOLARE AUTONOMISTA, assieme ad altre forze politiche. Se queste forze politiche fossero state (perché no) SI PUÒ’ FARE ed il gruppo a supporto di Marcello Carli, il risultato poteva essere molto interessante. Il POLO CIVICO POPOLARE AUTONOMISTA avrebbe accolto, al suo interno, molte persone che, per mero opportunismo, si sono, invece, presentate a sostegno del candidato di PD e FUTURA.

Peccato non aver assistito alla nascita di questo nuovo POLO alle elezioni amministrative di TRENTO 2020 ed aver assistito, invece, al solito opportunismo politico non solo del PATT, ma anche di mote persone candidate (confluite poi in +TRENTOVIVA, PD, ecc.) che se durante lo scorso inverno dicevano “IANESELLI ASSOLUTAMENTE NO”, oggi fanno parte della maggioranza del consiglio comunale di Trento, maggioranza guidata dal Sindaco Franco Ianeselli.

Chissà se il famoso POLO CIVICO POPOLARE AUTONOMISTA troverà mai spazio nello scenario politico territoriale o se, invece, è meglio rimanga solo una idea. Sappiamo benissimo che un’idea, se non decolla, è anche perchè è pericolosa per qualcuno, in quanto può dar fastidio ai “soliti noti”.

 

*

Lorenzo Rizzoli

Presidente #INMOVIMENTO