VIDEONEWS & sponsored

(in )

LEONARDO DIVAN * REPLICA A FRANCESCO DELLAGIACOMA: « NON SONO ACCETTABILI I TONI E I METODI USATI NEI CONFRONTI DEL COORDINATORE LEGA GIOVANI TRENTINO »

Alcune mattine fa, attraverso una nota agenzia di stampa trentina, il Signor Francesco Dellagiacoma ha esposto le sue valutazioni sul quadro elettorale universitario. Purtroppo, siamo costretti a chiarire diversi punti di incongruenza presenti in tali valutazioni:

In primo luogo il signor Marco Leonardelli, coordinatore della Lega Giovani Trentino, non ricopre funzioni di alcun genere all’interno della lista Siamo Unitn né dell’associazione Siamo Futuro.
In secondo luogo, ci vediamo costretti a precisare che, non è mai pervenuta da LiberaMente una richiesta di inserimento del proprio logo all’interno del simbolo della Lista Siamo Unitn. Forse il signor Dellagiacoma ed i suoi sodali dimenticano che i risultati di cui attualmente disponiamo sono meramente ufficiosi e quindi vulnerabili nella loro integrità.

Vorremmo infine confermare che se, come dice il signore sopracitato, tutti avessimo lavorato nella medesima direzione, avremmo certamente raggiunto un risultato migliore. Purtroppo, le invidie e la chiara soffennata di prevaricazione del sopracitato hanno, anche in questa circostanza, superato l’interesse per gli Studenti del nostro Ateneo. Non possiamo che rammaricarci di ciò, auspicando che qualcuno possa riuscire a trovare la maturità che fino ad ora non ha dimostrato.

Come coalizione universitaria abbiamo sempre dato priorità al dialogo, alla apertura e alla coesione. Sin dal principio di questo progetto comune, che continuerà ad esistere dentro Unitn, abbiamo ritenuto opportuno mettere di lato differenze di vedute, concentrando gli sforzi comuni di Siamo Futuro e Azione Universitaria su un progetto pragmatico e mai divisivo, perciò proviamo forte rammarico per le parole del Signor Dellagiacoma.

Non sono accettabili i toni e i metodi usati nei confronti del coordinatore Lega Giovani Trentino, che, ribadiamo, di nulla è responsabile in ambito universitario, speriamo che l’ebrezza del personalismo possa al più presto abbandonare le dinamiche universitarie e che possa proseguire il lavoro comune di Siamo Unitn all’insegna del rinnovamento e del miglioramento del nostro ateneo.

 

 

*
Leonardo Divan