VIDEONEWS & sponsored

(in )

GIANFRANCO MERLIN * PANDEMIA: « DALLA TEORIA DELLA SPAGNOLA ALLA CERTEZZA DEL DISASTRO ECONOMICO DEL DOPO COVID »

Dalla teoria della spagnola alla certezza del disastro economico del dopo Covid. Dacché esiste un racconto storico dei fatti dell’Umanità, le pandemie sono state protagoniste di corsi e ricorsi.

La mia personalissima teoria, che sto esponendo da marzo del 2020, è che il Covid-19 stia seguendo perfettamente l’evoluzione che ha avuto la terribile influenza Spagnola del 1918, alla fine della Prima guerra mondiale.

Ricordo le date salienti della Spagnola: iniziata in febbraio 1918, la prima ondata terminò a maggio, salvo concedere un bis, decisamente più terribile del primo, nell’autunno dello stesso anno. L’anno successivo, a febbraio 1919, si registrò una terza “ondatina” di Spagnola di minore efficacia delle altre due, con focolai circoscritti. L’epidemia sparì da sola definitivamente nel 1919.

Sono convinto (e al momento i dati mi confortano) che anche per il Covid-19 ci sia più di una speranza che finisca il suo ciclo dannoso mutando la sua pericolosità fra 4-5 mesi, dopo una terza “ondatina” che i tecnici sanitari stanno già iniziando ad intravvedere con il rialzo dei casi positivi.

I provvedimenti presi dal governo BisConte per cercare di contenere la pandemia non sembra che abbiamo avuto gli effetti attesi, se non causare effetti disastrosi e drammatici per l’economia nazionale con la morte di centinaia di migliaia di imprese sane strozzate per le chiusure imposte e la drammatica perdita di posti di lavoro, avviati a superare la quota di un milione.

Seguo anche l’evolversi della pandemia Covid 19 in Svezia, dove non è mai stato imposto nessun lockdown, e i risultati in percentuale di morti sono molto meno dei nostri, anzi noi siamo la nazione in Europa che ha questo triste primato.

Il fallimento di queste restrizioni si vedrà nei prossimi mesi, e la situazione economica così grave da obbligare ad un Governo di Salute Pubblica , o ampie intese, simile al malaugurato Governo Monti.

In attesa che questo virus mortale muti e sparisca come tutte le influenze, intanto è necessario iniziare a fare i contri con la caporetto economica, i cui effetti sono ancora da vedere in tutta la loro pienezza. Effetti destinati a durare almeno per i prossimi 3-4 anni, che vanno ad aggiungersi al fatto che già prima dell’avvento del Covid-19 l’Italia era l’unico dei “grandi” paesi a non avere ancora recuperato la disastrosa crisi del 2008 innescata dai fondi subprime della Lehman Brothers.

Non occorre avere capacità divinatorie per prevedere l’avvio a breve di un conflitto tra lavoratori garantiti (che protestano per avere adeguamenti salariali!) contro i nuovi poveri rappresentati da quei ceti produttivi composti da commercianti, artigiani, professionisti e anche dipendenti licenziati da aziende fallite causa provvedimenti del governo BisConte.

Il sindaco di Trento, Franco Ianeselli, mi chiama scherzosamente Mago Merlino perché avevo previsto perfettamente le percentuali del suo successo elettorale alle ultime amministrative. Naturalmente non sono un mago ne tantomeno possiedo doti divinatorie, ma utilizzando la logica, il buonsenso e la capacità di analisi dei fatti molte volte ci azzecco! Auguri!

 

*

Gianfranco Merlin