News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LETTERE AL DIRETTORE

ALESSIO ZANONI (PD) – CONSIGLIERE COMUNE RIVA DEL GARDA (TN) * « CICLABILE CITTADINA, UN PROGETTO MESSO IN CAMPO SOPRA LA TESTA DEI CITTADINI DA PARTE DELLA GIUNTA » (NELLA FOTO “CONFERENZA CAPIGRUPPO” DI IERI)

Scritto da
06.34 - mercoledì 03 agosto 2022

Come si commenta questa immagine? Un consigliere della maggioranza (Vittorio Ferraglia, Lega) che mette le mani in faccia ad un collega della minoranza (Gabriele Bertoldi, Pd)… Siamo rimasti attoniti dall’atteggiamento che si nota nella foto da me realizzata ieri -martedì 2 agosto, alle 17.45-: una scena che ha dell’incredibile. Speriamo a questo punto di non essere noi a dovere chiedere le dimissioni di chi si atteggia in modo aggressivo, ma se a Riva del Garda esiste ancora un barlume di ragione speriamo che chi di dovere faccia ciò che deve. Essere sostenuti in Consiglio comunale da chi si comporta in siffatta maniera penso non possa essere tollerato da nessun primo cittadino.

/

Nella sostanza ci siamo rivolti al Presidente del Consiglio comunale, che solo al 20 luglio ci ha negato una richiesta di Consiglio comunale urgente proprio sul punto che ora invece la Giunta ha deciso di mettere in delibera. Questa Giunta, con questa variazione di bilancio proposta, denota “Zero rispetto” per i cittadini; Sant’Alessandro e le sue Associazioni hanno scritto più volte di essere ascoltate, ma nulla. Un progetto “spacchettato” ma che è unitario e cuba 11 milioni di euro, quale la Ciclabile del Garda in ambito cittadino deciso e messo in campo sopra la testa dei cittadini.
Mai una presentazione pubblica, mai un confronto con la cittadinanza, mai un passaggio in Commissione urbanistica.

Un progetto che decreterà la fine dei luoghi residenziali di Sant’Alessandro, Restel de Fer e del Grez. La ciclabile e il senso unico in Viale Rovereto daranno inesorabilmente vita alla circonvallazione di Sant’Alessandro, questo deve essere chiaro a tutti.

Ed ora pure la presa in giro dei quattro Consiglieri di minoranza che al 20 luglio hanno depositato una Mozione urgente da discutere in Consiglio comunale prima che si arrivi al suo finanziamento. La risposta del Presidente che ci ha negato l’urgenza dicendo che: «Nulla è in programma e quindi c’è tutto il tempo per discuterne«, mentre questa sera nella riunione di programmazione dei lavori del Consiglio si arriverà di corsa -sotto Ferragosto9con una variazione di bilancio di 2.5 milioni di euro (che serve proprio a finanziare quella ciclabile)…

Ora basta! Qui si è costantemente presi in giro, messi alla gogna dalla figura istituzionale che invece dovrebbe, per ruolo, tutelare proprio le prerogative dei Consiglieri comunali.

La città deve aprire gli occhi, cogliere prima che sia troppo tardi questo grido di allarme per questa deriva anti-democratica alla quale siamo sempre più esposti: cittadini inascoltati; Comitati bistrattati; opere pubbliche faraoniche decise e messe in atto senza alcuna condivisione con la gente; proposte urbanistiche che stravolgeranno ed edificheranno la fascia lago giustificate tramite la visione del luminare di turno che però, per pubblica ammissione della Sindaca: “Ha saputo cogliere in modo attento quelle che erano le nostre richieste”.

E giustamente il Comitato a tutela della fascia lago considera il Piano Nunes: «Un nulla strapagato e con l’inchino agli interessi privati». Ora serve una presa di coscienza collettiva, perché la città non può essere in vendita al miglior offerente. La città è invece una città libera; e come tale va amministrata e tutelata.

*

Alessio Zanoni

Consigliere comunale Pd Riva del Garda (Tn)

 

/

Foto: fornita ad Opinione dal consigliere Pd Alessio Zanoni, scattata durante la “Conferenza dei Capigruppo” del Consiglio comunale di Riva del Garda

Categoria news:
LETTERE AL DIRETTORE

I commenti sono chiusi.