News immediate,
non mediate!

AGIRE PER IL TRENTINO – RESTA * ” ALTA VALSUGANA: NON BASTA IL CONFERIMENTO DELLA PLASTICA A PAGAMENTO, I SACCHETTI BIODEGRADABILI VANNO SMALTITI NELL’INDIFFERENZIATO “

Scritto da
7:00 - 25/04/2018

Egregio Direttore, è notizia recente che Amnu ha invitato i cittadini dell’Alta Valsugana a non riutilizzare per l’umido i sacchetti biodegradabili obbligatori da inizio anno.

Non sono compatibili con l’impianto di trattamento di Cadino perché si degradano troppo lentamente.

La notizia non è un pesce di aprile!

Ricapitolando: siamo obbligati a pagare dei sacchetti biodegradabili per poter comprare frutta e verdura, ma una volta utilizzati devono essere trattati come rifiuto indifferenziabile, peggio della plastica insomma…

Questa limitazione vale per Amnu, ma ci chiediamo se sia solo l’Alta Valsugana a conferire l’umido a Cadino…

A questo punto ci dovrebbero spiegare a cosa servono, al comune cittadino, i sacchetti cosiddetti biodegradabili…

La risposta arriva da Massimo Centemero, direttore del Consorzio Italiano Compostatori (Cic): in una intervista al giornale La Stampa ha dichiarato che i sacchetti obbligatori dal 2018 sono biodegradabili, compostabili e compatibili con il sistema impiantistico nazionale. Chiaro o no? No!

 

*

Giuseppe Resta
Agire per il Trentino

Categorie Articolo:
LETTERE AL DIRETTORE

I commenti sono chiusi.