VIDEONEWS & sponsored

(in )

ZENI (PD) – INTERROGAZIONE * TURISMO: « AZIONI TRENTINO MARKETING, NON COMPARE MAI LA DENOMINAZIONE “GAY FRIENDLY” BENSÌ UNA PIÙ IMBARAZZANTE TRADUZIONE CHE RISULTA “BENVENUTI GAY”»

Da tempo, nel sistema turistico internazionale si è diffuso un marchio noto come “gay friendly”, che ha lo scopo di rassicurare gli ospiti delle strutture che lo espongono da ogni possibile inconveniente. Si tratta di un importante passo in avanti sulla strada della lotta alle discriminazioni ed in special modo a quelle legate all’orientamento sessuale, al punto che, anche in Trentino, il modello è stato recepito da “Trentino Marketing s.p.a.” nell’azione promozionale di numerosi alberghi.

Tuttavia, in tali azioni, non compare mai la denominazione “gay friendly”, bensì una più imbarazzante traduzione che risulta così: “benvenuti gay”. Si tratta di un’espressione che richiama la possibilità di accesso all’albergo per gli animali da affezione (es. “Sono benvenuti i cani”) e che quindi risulta oltremodo infelice. E’ eviedente che si tratta di una svista, ma proprio per questo va corretta immediatamente, soprattutto in considerazione del fatto che essa compare su di un sito ufficiale pubblico ed in tal senso ha presentato oggi una specifica interrogazione il Consigliere provinciale del Partito Democratico Luca Zeni (qui allegata).

 

*

Interrogazione n.
“Gay benvenuti”.  Marchio gay friendly e traduzioni.

Nonostante i Paesi occidentali riconoscano generalmente nelle loro Carte costituzionali e nelle dichiarazioni dei diritti l’eguaglianza delle persone e il divieto di discriminazione per motivi legati all’orientamento sessuale, il percorso per una cultura diffusa dei diritti civili è ancora lungo.

Per questo motivo, anche se non dovrebbe essercene bisogno a livello giuridico, molti operatori nell’ambito dell’ospitalità e del turismo specificano il rispetto per gli ospiti a prescindere dall’orientamento sessuale, e si è diffuso a livello internazionale un marchio noto come “gay friendly”. Soprattutto in Paesi non considerati culturalmente avanzati in questo settore, come l’Italia, questo marchio rassicura l’ospite, specie straniero, rispetto a possibili inconvenienti o a situazioni di imbarazzo che purtroppo ancora possono verificarsi.

Anche Trentino Marketing pare aver recepito questa indicazione del mercato turistico, e attraverso il sito “Visit Trentino” vengono promossi numerosi alberghi che vogliono posizionarsi e caratterizzarsi come attenti a non discriminare gli ospiti in base all’orientamento sessuale.

Tuttavia nell’elenco dei servizi di tali strutture non compare mai la denominazione “gay friendly”, riconosciuta a livello internazionale come marchio per rappresentare quanto illustrato, ma l’infelice e discutibile traduzione “gay benvenuti”.

Un’espressione che richiama la possibilità di accesso alla struttura di animali (“sono benvenuti i cani”), più che una particolare sensibilità rispetto a quanto già il diritto prevede come principio inderogabile e universale. Siamo certi che si tratti di una svista involontaria, dovuta probabilmente a superficialità nella traduzione, ma alcune segnalazioni di persone interessate che hanno percepito come stonata questa indicazione, ci hanno indotto alla segnalazione in oggetto.

In un periodo in cui la discriminazione ed il dileggio di certi delicati temi stanno allargandosi in modo preoccupante, sopratutto attraverso le reti “social”, il controllo su quanto appare, almeno da parte dell’ente pubblico, deve essere puntuale e preciso, proprio per non prestarsi a veicolare frasi e definizioni che feriscono, al di là delle intenzioni, la sensibilità di molte persone.

Ciò premesso, si interroga la Giunta provinciale per sapere:

– se voglia indicare a Trentino Marketing e ad altri soggetti eventualmente interessati, a utilizzare la dicitura “gay friendly” per promuovere le strutture che vogliono caratterizzarsi anche per l’attenzione alla non discriminazione verso i propri ospiti, evitando l’infelice espressione “gay benvenuti”.

A norma di Regolamento si richiede risposta scritta.

Distinti saluti

avv. Luca Zeni