VIDEONEWS & sponsored

(in )

ZENI (PD) – INTERROGAZIONE * GIORNATA AUTONOMIA 2020: « LA LEGGE PAT PREVEDE CHE I PRESIDENTI DELLA PROVINCIA E DEL CONSIGLIO DEFINISCANO IN PROGRAMMA, SI ATTENDE DI CONOSCERNE I DETTAGLI »

Una Legge provinciale (L.P. N.13/2008), come noto, istituisce la “Giornata dell’Autonomia” per celebrare il riconoscimento dell’autonomia speciale al Trentino e fissa la data di tale ricorrenza al giorno 5 del mese di settembre di ogni anno, in ricordo della firma del “patto Degasperi – Gruber” appunto del 5 settembre 1946.

La Legge prevede che il Presidente della Provincia, in accordo con quello del Consiglio provinciale e del Consiglio delle Autonomie, definisca il programma e le relative modalità organizzative. Probabilmente i Presidenti Fugatti e Kaswalder avranno programmato una sorpresa eccezionale, se fino ad oggi qualsiasi programmazione rimane ancora segreta e sconosciuta a tutti ed è proprio per questa “suspence” che si attende con curiosità ed interesse di conoscere i dettagli dell’ormai imminente “Giornata dell’Autonomia 2020”. È proprio in tal senso quindi che il Consigliere del Partito Democratico del Trentino Luca Zeni ha depositato oggi una specifica interrogazione, chiedendo lumi sull’evento, a meno che…

A meno che non se ne siano dimenticati. Sembra impossibile da credere, perché due autonomisti convinti e da sempre legati all’autonomia ed alla sua valorizzazione non possono aver fallito così miseramente proprio scordando le celebrazioni dell’autonomia stessa. Non ci crede nessuno ovviamente ma, fino a quando il mistero non sarà svelato, qualche dubbio potrebbe farsi strada e pertanto l’interrogazione risulta assolutamente preziosa per sapere e conoscere i progetti delle nostre massime Istituzioni in vista di una data e di una ricorrenza, non solo storica, ma prevista da una apposita legge provinciale.

 

*

Interrogazione n.
QUALE GIORNATA DELL’AUTONOMIA NEL 2020?
Come certamente noto, il 5 settembre del 1946 l’allora Presidente del Consiglio e Ministro degli Esteri italiano Alcide Degasperi ed il Ministro degli Esteri austriaco Karl Gruber sottoscrivevano l’accordo che sanciva la specialità autonomistica del territorio regionale del Trentino Alto Adige/Südtirol. Per celebrare tale importante ricorrenza, con la Legge provinciale 30 luglio 2008 n. 13 è stata istituita la “Giornata dell’Autonomia”, con lo scopo di “celebrare la ricorrenza del riconoscimento alla comunità trentina dell’autonomia speciale e a promuovere, nel rispetto del pluralismo culturale, lo studio e l’approfondimento storico-giuridico dell’autonomia trentina e delle istituzioni locali, nonché la conoscenza delle prerogative statutarie”, come recita l’art. 1 della citata legge.

Sulla scorta di tali premesse, il Presidente della Provincia definisce d’intesa con il Presidente del Consiglio provinciale e il Presidente del Consiglio delle Autonomie locali il programma della Giornata e le relative modalità organizzative e così si è sempre fatto da allora ad oggi.

Per l’edizione 2020 della Giornata dell’Autonomia però non è ancora giunta notizia di qualche programmazione e/o di specifici eventi con illustri ospiti e relatori, come accaduto in tutte le precedenti edizioni. Certamente si tratta di una scelta delle due Istituzioni preposte all’organizzazione degli appuntamenti previsti dalla legge, per mantenere una certa alea di riservatezza attorno alla programmazione, ma forse conoscere da subito qualche dettaglio, anche in relazione alla gestione di un simile appuntamento nella fase di emergenza pandemica che stiamo attraversando, potrebbe rivelarsi utile anche per quelle componenti della comunità maggiormente interessate a questa importante ricorrenza.

 

*

Tutto ciò premesso si interroga il Presidente della Provincia ed il Presidente del Consiglio provinciale per sapere:

– quale progetto e con quale tema è stato elaborato per l’edizione 2020 della Giornata dell’Autonomia e quali ospiti/relatori sono stati invitati alla stessa;

– dove e con quali modalità di sicurezza si terrà la manifestazione prevista dalla legge;

– quali programmi di “porte aperte”, per visite e conoscenze delle strutture e delle Istituzioni, sono stati previsti per la giornata del 5 settembre prossimo a Palazzo Trentini e nella sede ufficiale della Provincia autonoma di Trento;

– quali costi, in dettaglio, sono stati preventivati da parte delle due Amministrazioni per la realizzazione dell’evento nella sua complessità.

A norma di Regolamento si richiede risposta scritta.
Distinti saluti.

 

*
avv. Luca Zeni