VIDEONEWS & sponsored

(in )

VERGNANO (FI) * RSA: « ROVERETO VELOCIZZI L’EDILIZIA RESIDENZIALE PER ANZIANI, COMPLICI L’IMMOBILISMO DELLE GIUNTE VALDUGA NON SIAMO RIUSCITI AD AVERE LA PRIMA STRUTTURA »

Rovereto deve velocizzare l’edilizia residenziale per gli anziani. La politica roveretana discute da decenni della terza RSA e da oltre due lustri della quarta.

Complici l’immobilismo delle giunte Valduga non siamo ancora riusciti ad avere pronta la prima, per la seconda temo, se venisse confermata questa maggioranza, il rischio è non riuscire a vederla neppure per la metà del secolo.

I fatti sono noti. Tra veti incrociati e “sfregamento di mani” della Provincia gestita dal centrosinistra, che così è riuscita a destinare i fondi ad altre amministrazioni, Rovereto vive una eterna crisi nei posti letto e nella qualità della struttura principale. La Vannetti, la famigerata Casa Rossa, viene descritta dalla stessa Presidente con “innegabili carenze strutturali”.

Valduga Senjor ha distratto il Consiglio Comunale da un progetto pronto alla ex Cava Manica per un eterno cantiere in Via Azzolini. Una RSA che sarebbe dovuta essere inaugurata all’inizio di questa legislatura e che vedrà l’apertura forse nel 2021…dopo 15 anni di attesa.

Per la sostituzione della Casa Rossa, Valduga junior sequestrò il Consiglio Comunale in un bizzarro quanto improbabile progetto di ristrutturazione che ebbe il solo scopo di allontanare la costruzione della RSA in Via Ronchi, progettata e con l’accordo del finanziamento da parte della Provincia.

Solo dopo una battaglia effettuata da tutta la minoranza e alcuni consiglieri di maggioranza si riuscì ad obbligare Valduga a fermarsi nel progetto di ristrutturazione.
Oggi leggiamo di nuove emergenze. Centinaia di anziani aspettano, in tutto il Trentino, di accedere a strutture che, a Rovereto, sono carenti o inesistenti.

Occorre un nuovo progetto di edilizia residenziale per anziani. Di grande qualità ma di veloce esecuzione e senza gravare sui bilanci, in particolare nel capitolo degli investimenti.

Primo: costruire al più presto, entro la prossima legislatura, la RSA di via Ronchi.

Secondo: collaborare con imprese private che, sul nostro territorio come altrove, hanno fornito esempi di altissima qualità e capacità organizzativa. È una mia proposta che la giunta Rossi non volle neppure analizzare, ma che oggi sarebbe di soluzione a molte problematiche.

Il valore delle APSP, in particolare della Vannetti, non verrebbe intaccato, ma anzi sarebbe esaltato con una concorrenza leale e gestita dalla più stringente normativa italiana. Non possiamo lasciare 800 famiglie trentine senza risposta.

 

*

Paolo Vergnano
Consigliere comunale Rovereto
Coordinatore di Forza Italia Rovereto – Candidato Forza Italia per Rovereto