Covid-19 Free -settima puntata- (Provincia autonoma Trento)

***

FEDERAZIONE: FOCUS SULLA COOPERAZIONE TRENTINA

Intervista a Roberto Simoni

- Candidato presidente Federazione trentina della Cooperazione -

Il futuro posticcio del turismo trentino. Desolante la notizia di utilizzo di fotomontaggi e service non locali per produrre la pubblicità delle vacanze trentine della prossima già difficilissima stagione estiva. Su tanti, troppi giornali e siti redazionali nazionali è dilagata questa notizia, che riporta il Trentino della mitica “farfalla malossiana” a delle “worst -peggiori”, piuttosto che a delle “best -migliori” practices.

Tanto più preoccupante perché l’inserzione pubblicitaria è stata realizzata dalla rinnovata società pubblica locale, Trentino Marketing, che, alla faccia delle dichiarazioni e degli slogan della Giunta Fugatti (che non perde occasione di enfatizzare il made in Trentino), si serve, addirittura per promuovere l’immagine promozionale del territorio, di scatti e sistemi internazionali standardizzati. Invece di fare sinergia magari con la Film Commission della Pat, con le APT, con il Dipartimento del Turismo Provinciale. Che comunque sono già ampiamente finanziati dall’Ente pubblico e quindi con i soldi dei cittadini trentini contribuenti.

Se questa è una delle nuove anticipazioni della riforma Failoni del turismo trentino… ahinoi!… e se quella società, Trentino Marketing, sarà il fulcro delle nuove campagna di promozione post Covid del Trentino, auguriamoci turisti poco attenti, superficiali …!! Legati sì all’immagine del verde e di un ambiente montano da cartolina, ma poco attenti se la cartolina arrivi dal Trentino ….o dai Balcani!!

Un ulteriore segnale dell’urgenza dell’avvio di una vera riforma del modello turistico trentino, che affronti il futuro in modo autentico e moderno, in linea con le nuove sensibilità ambientali, compatibile con stili di vita salutari e una interessante e stimolante fruizione del tempo libero, che dovrebbe avere uno sviluppo anche dal punto di vista culturale e sociale.

Certo lasciarla a Failoni e Rossini, da questi presupposti…… ci preoccupa assai!

 

*

Walter Alotti
Segretario Generale
Uil del Trentino