VIDEONEWS & sponsored

(in )

UIL TRENTINO * EMERGENZA CORONAVIRUS: PETROLLI, « TRENTINO TRASPORTI E PROVINCIA DI TRENTO CANCELLANO LA POSSIBILITÀ DI PROVVEDIMENTI SERI CON UN COLPO DI SPUGNA, INFETTA »

Coronavirus e Trasporto Pubblico. Azienda e Provincia cancellano la possibilità di provvedimenti seri con un colpo di spugna, infetta.

 

 

 

Ci rendiamo conto che le misure precauzionali per contenere le infezioni da Corononavirus non possano essere perfettamente coerenti ed esaustive. Chiudono le scuole, saltano gli eventi pubblici e le iniziative culturali, ma il trasporto pubblico – che inevitabilmente ammassa numerose persone in spazi molto ristretti – resta sostanzialmente operativo e immutato. Questo è accettabile e persino opportuno, se non si vuole davvero fermare (letteralmente) il Paese, ma andrebbe mantenuta almeno una parvenza di pudore nel momento in cui si affronta il tema e si deliberano dei provvedimenti.

Se quindi tali disposizioni – e si può discuterne l’effettiva efficacia – comprendono la necessità di incaricare ditte specializzate per la «disinfezione straordinaria dei mezzi anche durante le soste dell’esercizio», allora non è accettabile trovarsi, il giorno seguente a quello della direttiva, con autobus in condizioni di igiene eccezionalmente scarsa denunciata tanto dagli autisti quanto dagli utenti.

Le immagini allegate parlano chiaro, e in modo altrettanto chiaro parlano gli autisti quando segnalano, disgustati e preoccupati, che quando le suddette ditte specializzate puliscono effettivamente il mezzo – possiamo osservare con quanta efficienza – utilizzano lo stesso straccio sporco per “lucidare”, dulcis in fundo, il volante dell’incredulo conducente.

Se questo è il risultato dell’incontro tra provincia, Trentino Trasporti e sindacati – disertato da noi confederali per l’inopportuna e inattesa presenza degli autonomi, un ingiustificato sfregio ai buoni rapporti con le sigle più rappresentative – sappiamo di non esserci persi poi molto. A perderci di più saranno però gli utenti e i lavoratori, privati di un’occasione utile per discutere, in modo più serio, delle preoccupazioni legate alla diffusione del virus e degli eventuali provvedimenti concreti.

 

*

Il Segretario Uiltrasporti del Trentino

Nicola Petrolli