The White House

President Trump at The World Economic Forum: America Is Winning Again

L’Assemblea delle RSA della UILSCUOLA di Trento, riunita in sessione plenaria ATA – AE – Docenti, ha approvato all’unanimità Il seguente documento.

 

*

MOZIONE
L’assemblea dà mandato alla Segreteria regionale di perseguire un accordo tecnico politico, da formalizzare attraverso un verbale di impegni sottoscritti, che vincoli le parti Politica e Sindacale, relativi all’imminente rinnovo contrattuale per il personale della Scuola.

Il primo impegno dovrà essere di tipo finanziario: siano stanziate le risorse necessarie per un rinnovo contrattuale dignitoso, partendo dall’attribuzione fin da subito dell’1,4% a parziale recupero della perdita del potere d’acquisto dei salari. È, quindi, necessario siano immediatamente inviate (gennaio 2020) direttive all’APRaN.

Nel documento di impegni si dovrà inserire il tempestivo avvio delle trattative negoziali. Nei nuovi testi contrattuali si dovranno ripristinare: l’organizzazione del lavoro; il pieno diritto alla formazione, all’aggiornamento, alla mobilità; progressioni di carriera.

Il lavoro d’aula, indirizzato ad un insegnamento/apprendimento di qualità, dovrà tornare ad essere il tema centrale dal quale ripartire: meno scartoffie e più attenzione ai nostri ragazzi. Dalla Scuola delle procedure alla Scuola della qualità. Libertà d’insegnamento e autonomia scolastica necessitano di particolare tutela.

La qualità passa anche dal ripristino di organici sufficienti: sia stabilizzato il personale precario. Siano avviate procedure di reclutamento sulla forma del corso – concorso: si coniughi valorizzazione delle risorse interne con formazione e aggiornamento.

Si riparta dalla centralità della Scuola Provinciale: la Scuola di tutti e per tutti. Nessuno escluso. E quindi si cancellino le tracce ancora presenti nella legge provinciale della “buona scuola”, introdotte pochi anni fa.

Chiamata diretta – titolarità di ambito – valorizzazione del merito – foreg: dovranno essere cancellati. Le persone valgono, meritano buoni stipendi. Non mance.

 

*

Pietro Di Fiore

Segr. Gen. UIL Scuola Trento