VIDEONEWS & sponsored

(in )

UIL FPL – TRENTINO * SCUOLE INFANZIA – INCONTRO CON BISESTI: TOMASI, « QUALCHE PASSO AVANTI PER IL CONCORSO STABILIZZAZIONE, MA NUOVI PREOCCUPANTI DUBBI »

Si è tenuto oggi un nuovo incontro sulle peculiarità delle scuole infanzia; all’ordine del giorno il concorso riservato delle insegnanti a tempo determinato e l’avvio di un percorso di revisione del sistema.

Sul concorso per la stabilizzazione del personale storico a tempo determinato l’Assessore Bisesti e il Dirigente del dipartimento Istruzione e Cultura, Ceccato, hanno comunicato alle OO.SS. il grande impegno della Provincia in sede nazionale per trovare una soluzione all’impugnazione della norma che consentiva la stabilizzazione del personale a tempo determinato con il solo titolo dell’anzianità. La Provincia, per risolvere il contenzioso, è intenzionata ad inserire nel bando un altro elemento aggiuntivo che serva a graduare le posizioni, oltre all’anzianità di servizio. Stanno elaborando la modalità, che ci verrà comunicata a breve, e che verrà inserita nella prossima legge di Bilancio.

La seconda parte dell’incontro ci ha decisamente più allarmate, perché la Provincia ci ha proposto un tavolo di lavoro che riveda il sistema non solo quello riferito alle scuole infanzia ma l’intero “0-6”.

Pur avendo proposto come UIL FPL una serie di criticità da affrontare sulle scuole infanzia (modifica rapporto numerico insegnante/ bambino, personale di supporto aggiuntivo nelle scuole, passaggi del personale da part time a tempo pieno, ecc), la Provincia intende invece proporre delle modifiche strutturali e organizzative delle scuole per ampliare il servizio offerto sul territorio e per includere bambini che non hanno ancora raggiunto i 3 anni.

Abbiamo spiegato alla Provincia che la Scuola infanzia è Scuola a tutti gli effetti, mentre gli asili nido sono servizi socio educativi con offerta pedagogica diversa, personale diverso (insegnante nelle scuole ed educativo nei nidi), con calendari e orari di apertura in alcuni casi molto diversi.

La UIL FPL è molto preoccupata di queste proposte e delle conseguenze che potrebbero esserci sulle Scuole e sulle famiglie che nelle Scuole mandano con serenità i propri bambini, e chiede che sia fatta quanto prima chiarezza sulle intenzioni della Provincia, auspicando che non si tratti solamente di tagli al sistema scolastico trentino.

 

*

Marcella Tomasi

Segretaria Prov.le UIL FPL Enti Locali