News immediate,
non mediate!
Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

UIL FPL SANITÀ * INCONTRO CON APRAN: « NEL COLLOQUIO APPROFONDITI VARI ASPETTI DELLE MATERIE DI CONTRATTAZIONE ANCORA SOSPESE »

Scritto da
18.37 - venerdì 10 maggio 2019

Ieri 09/05/20189, su convocazione del Presidente Apran, si è svolto un incontro informale tra l’Apran e la delegazione della Uil Fpl sanità. Nell’incontro abbiamo avuto modo di approfondire i vari aspetti delle materie di contrattazione ancora sospese.

Nell’incontro la Uil Fpl Sanità ha chiesto al presidente Apran che, nella riunione già programmata per il 17 maggio, si faccia carico di:

– porre prioritariamente alla firma una ipotesi di accordo per l’erogazione immediata dei 5 milioni di risparmi aziendali tramite “una tantum” (circa 500 euro media a dipendente) e per il pagamento dell’ulteriore fascia a chi ha compiuto 40 anni a fine 2016 e 2017:
Procedere, solo poi, alla calendarizzazione di riunioni serrate per addivenire alla chiusura definitiva del contratto 2016/2018, e che deve prevedere:

– il raddoppio dell’ indennità sui tre turni (come già riconosciuto in Friuli Venezia Giulia), l’incremento dell’allegato M, l’estensione dell’indennità Sert al personale ed al servizio alcologia, ecc…

– l’anticipo della liquidazione anche ai dipendenti dell’ Apss, come avviene per i Provinciali:

– le riqualificazioni del personale come previsto dall’art. 4 dell’accordo del 10 marzo 2017ed art. 16 del CCPL 2016 ( Coordinatori , Infermieri, Tecnici sanitari, OSS, Amministrativi, Operai, ecc..), il pagamento della tassa d’iscrizione agli ordini professionali,…

Altro punto urgente è quello della necessità di una trattativa ad hoc per discutere dell’Omogeneizzazione Provinciale per tutto il personale dell’Apss, già propostaci dall’Apran in Agosto 2016 con delle sue tabelle di raffronto in cui si certificava una differenza stipendiale con i Provinciali che va dai 900 euro della Cat. A ai 3.000/4.000 euro per le Categorie D-Ds.

Tale incontro ha permesso di esplicare meglio al Presidente Apran della necessità di procedere con la scaletta dei 4 punti da noi proposta (una tantum, anticipo liquidazione, code contrattuali e omogeneizzazione provinciale) per dare puntuali e precise risposte ai 7.000 lavoratori della sanità trentina che aspettano da tempo.

 

*
Seg. Prov.le Uil Fpl sanità
Giuseppe Varagone

Categoria news:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.