PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

"Il Trentino news" (puntata n° 9)

Lunedì 16 settembre si è tenuto un incontro tra le OO.SS. FP CGIL, CISL FP e UIL FPL, ed il Presidente Fugatti per capire quali intenzioni ha la Giunta provinciale sulle questioni del pubblico impiego trentino.

Le questioni all’ordine del giorno sono innumerevoli, e già esposte dalle OO.SS. nell’precedente incontro 27 giugno:
– Rinnovo contratti del pubblico impiego: risorse e tempistiche;
– Code contrattuali 2016-2018: necessità di avvio del tavolo contrattuale per affrontare le tematiche lasciate in sospeso dal contratto precedente. Ricordiamo in particolare l’ordinamento professionale sul quale si è di recente espresso anche il Presidente;
– Assetto istituzionale del Trentino: quale la prossima organizzazione della Provincia, il futuro delle Gestioni associate dei Comuni, assetto organizzativo delle APSP;
– Assunzioni e stabilizzazioni: quale e quanto personale da assumere negli Enti, quali stabilizzazioni effettuate e quante mancanti.

Le OO.SS. hanno anche ricordato al Presidente il suo impegno a riconvocarci alla fine dell estate, per stabilire tempi certi per l’avvio del tavolo contrattuale e l’impegno al suo finanziamento: ad oggi infatti siamo già in ritardo nell’apertura del tavolo contrattuale, e non sono ancora state condivise e deliberato le relative direttive.

Le parti sindacali stigmatizzano l’assenza di relazioni sindacali in merito alle Gestioni associate, sulle quali è stato chiesto un incontro ancora durante l’estate, sull’organizzazione della PAT e il suo assetto del personale (CGIL, CISL e UIL non hanno un incontro con il Dipartimento del personale da fine giugno) e sulle problematiche del personale delle APSP, in particolare sulle professionalità socio sanitarie argomento di recente molto dibattuto.

Le risposte del Presidente sono state generiche e collegate al panorama nazionale: non verranno stanziate risorse a livello locale finché non saranno chiare le intenzioni del governo nazionale. Unico impegno sulle risorse specifiche della “vacanza contrattuale” che potranno essere finanziate con la legge di Bilancio.

Le OO.SS. hanno ribadito la necessità di stanziare le risorse per il rinnovo del contratto, ritenendo inaccettabile la subordinazione alle decisioni nazionali: rivendichiamo l’autonomia trentina nei rinnovi del contratto del pubblico impiego.

Abbiamo inoltre sollecitato l’immediata apertura del tavolo tecnico sull’ordinamento del personale con il relativo e specifico stanziamento, per dare risposte alle nuove professionalità e competenze acquisite dal personale.

Al termine dell’incontro il Direttore Generale della Provincia si è impegnato a nome del Presidente a riconvocarci entro 3 settimane per concretizzare gli impegni assunti: riteniamo in ogni caso inaccettabile che, a distanza di mesi dalla scadenza del contratto collettivo, nessuna risposta o proposta sia ancora arrivata in termini di finanziamento e rinnovo del contratto.

Le OO.SS. sono insoddisfatte dell’incontro e ritengono parziali le risposte avute perché non rispondono alle questioni poste in questi primi mesi alla Giunta: ribadiamo di nuovo la necessità del rinnovo del contratto del pubblico impiego Trentino per valorizzare i servizi ai cittadini su tutto il territorio.

Se la musica non cambierà da qui al prossimo incontro, verranno adottate le relative azioni di forza sindacali per far comprendere alla Giunta i reali problemi dei lavoratori pubblici trentini.

 

*

Per la FP CGIL
Luigi Diaspro

Per la CISL FP
Beppe Pallanch

Per la UIL FPL
Marcella Tomasi