ACLI TRENTINO - "IO PARTECIPO"

INCONTRO CON VINCENZO PASSERINI, «LA LEZIONE DI GIUSEPPE DOSSETTI»

(diretta video Hd da sede Acli Trento - via Roma)

L’Eurosuole Forum respinge l’assalto della Trentino Itas anche in campo europeo. Nel recupero del primo turno della Pool A di 2020 CEV Champions League, giocato ieri stasera a Civitanova Marche in casa della Cucine Lube Campione d’Europa e del Mondo, i gialloblù hanno infatti dovuto fare i conti con una sconfitta, la prima del 2020, lasciando strada ai padroni di casa in tre set.

L’impianto marchigiano resta così tabù per Trentino Volley (sempre sconfitta da quando i cucinieri giocano le proprie partite interne in questa struttura), ma a ben vedere quella odierna era forse l’occasione meno indicata per riuscire ad espugnare le Marche. Alle assenze di Kovacevic e Russell si è infatti aggiunta poco prima del match anche quella di Vettori, tenuto a riposo precauzionale per un risentimento accusato al ginocchio; defezioni che hanno costretto Lorenzetti a proporre in campo un trio di palla alta inedito, formato da Djuric, Cebulj e Michieletto che ha ragionevolmente faticato contro un sistema di gioco tanto compatto come quello marchigiano. La Cucine Lube ha tenuto sempre in mano le redini del match, concedendo pochissimo agli avversari in fase di break point grazie a grandi percentuali in attacco (50%), un muro compatto (a segno sette volte) ed un servizio molto incisivo (5 ace, ma anche tante rigiocate facili). Fra le fila gialloblù in costante crescita la prova di Djuric (unico in doppia cifra anche grazie a due muri vincenti) e bella conferma per Candellaro (75% in primo tempo), ma viste le premesse la sfida è apparsa subito troppo difficile per poter sperare di ottenere un risultato positivo e non consentire ai cucinieri di guadagnare la vetta solitaria della classifica del girone.

La cronaca del match. Lo starting six della Trentino Itas deve fare ancora a meno di Russell e Kovacevic ma anche di Vettori (risentimento ad un ginocchio), motivo per cui Lorenzetti conferma Giannelli in regia, inserisce Djuric come opposto, e mette Cebulj e Michieletto in posto 4, assieme a Candellaro e Lisinac al centro, Grebennikov libero. La Cucine Lube Civitanova risponde con Bruno al palleggio, Rychlicki opposto, Juantorena e Leal schiacciatori, Bienek e Simon centrali, Balaso libero. L’inizio di match è equilibrato, almeno sino al 5-5 poi ci pensano Bienek al servizio (ace su Cebulj) e Juantorena a muro (a uno su Djuric) ad agevolare la fuga dei padroni di casa (5-7 e 7-10), costringendo Lorenzetti ad interrompere il gioco. Alla ripresa è ancora Osmany a fare la voce grossa (9-14); Trento prova a reagire con Djuric (16-19) e poi anche con l’ace di Cebulj (21-23), ma deve rialzare la testa sulla battuta punto di Rychlicki (21-25).

La Trentino Itas prova a reagire nel secondo set, scattando sul 3-1 ma la Cucine Lube reagisce subito e con Leal e Juantorena riporta immediatamente la situazione del punteggio sui binari desiderati (3-7, 5-10). Djuric passa con regolarità in attacco e cerca di riportare i suoi a stretto contatto (10-14) ma è solo un attimo, perché poi i cucinieri riprendono a martellare dalla linea dei nove metri con Bienek e a rete con lo schiacciatore brasiliano, portandosi velocemente sul 2-0 interno (15-21, 18-25).
La Cucine Lube ha fretta di chiudere il discorso e nel terzo set parte a spron battuto (1-5); Trento risponde con Giannelli (5-6), ma poi subisce un nuovo affondo dei marchigiani (5-10, 8-13), guidati da Leal e Bienek (molto incisivo al servizio). La Trentino Itas si innervosisce, diventa molto fallosa e lascia progressivamente il campo (9-14, 10-17), cedendo già sul 15-25.

“Civitanova ha giocato una partita di buon livello, con l’intensità e la forza giusta per metterci in difficoltà in un match che per noi presentava già alla vigilia tanti problemi – ha commentato l’allenatore della Trentino Itas Angelo Lorenzetti al termine del match – . Siamo in una situazione di emergenza, ma dovremo farci i conti spesso nel breve periodo e quindi sarà necessario trovare in fretta le contromisure adatte. Ho preferito far giocare da titolare Michieletto piuttosto che Sosa Sierra perché contro il servizio della Cucine Lube avevamo bisogno di una ricezione più affidabile. Alessandro ha fatto il suo per tutta la gara e qualche difficoltà in un match così può comunque starci”.

Il prossimo impegno in 2020 CEV Champions League è in programma giovedì 30 gennaio alle ore 16 italiane ad Istanbul, quando la Trentino Itas affronterà il Fenerbahce HDI Sigorta nel quarto turno della Pool A. La squadra rientrerà a Trento già nella serata odierna e partirà alla volta della Turchia martedì mattina.

Di seguito il tabellino della gara del recupero del primo turno della Pool A di 2020 CEV Champions League, giocata questa sera all’Eurosuole Forum di Civitanova Marche.

Cucine Lube Civitanova-Trentino Itas 3-0
(25-21, 25-18, 25-15)
CUCINE LUBE: Leal 10, Simon 5, Bruno, Juantorena 19, Bienek 10, Rychlicki, Balaso (L); Diamantini, Kovar. N.e. Anzani, D’Hulst, Marchisio, Massari. All. Ferdinando De Giorgi.
TRENTINO ITAS: Michieletto 6, Candellaro 7, Giannelli 1, Cebulj 8, Lisinac 3, Djuric 11, Grebennikov (L); Vettori, Sosa Sierra. N.e. Russell, Daldello, De Angelis, Codarin, Kovacevic. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Gerothorodos di Atene (Grecia) e Mezöffy di Budapest (Ungheria)
DURATA SET: 29’, 27’, 23’; tot 1h e 19’.
NOTE: 3.639 spettatori. Cucine Lube Civitanova: 7 muri, 5 ace, 10 errori in battuta, 5 errori azione, 50% in attacco, 44% (%) in ricezione. Trentino Itas: 5 muri, 1 ace, 13 errori in battuta, 7 errori azione, 38% in attacco, 38% (22%) in ricezione.

 

*

Nelle foto in allegato, scattate da Marco Trabalza, alcuni momenti del match odierno