VIDEONEWS & sponsored

(in )

TRENTINO TRILINGUE: ROSSI, OGNI PIANO DEVE AVERE DEI MOMENTI DI MONITORAGGIO

(Fonte: Ufficio stampa Pat) – Trentino Trilingue: maggiore autonomia per le scuole e gradualità nell’attuazione. Via libera in Commissione all’aggiornamento del Piano .

Maggiore autonomia per gli istituti scolastici nell’elaborare i percorsi di lingua straniera, gradualità nell’attuazione, flessibilità nell’uso degli strumenti con la possibilità di utilizzare altre metodologie oltre al Clil e valorizzazione del personale docente.

Queste le principali novità previste dall’aggiornamento del Piano Trentino Trilingue che oggi ha ottenuto il via libera dalla quinta commissione del Consiglio provinciale e sarà quindi approvato in via definitiva dalla Giunta nella seduta di venerdì.

“Ogni piano deve avere dei momenti di monitoraggio e di aggiornamento – ha detto oggi il presidente Ugo Rossi durante la riunione della Commissione – che tengano conto dell’esperienza sul campo e quindi delle osservazioni che ci vengono dalle scuole.

Con questo aggiornamento – abbiamo cercato di intercettare le criticità emerse, ma anche le buone pratiche, introducendo quindi elementi di quantità e di qualità per migliorare l’efficacia del Piano e per accrescere la consapevolezza della sua importanza fra la comunità trentina”.

Partito a fine 2014 con un investimento, in parte sostenuto con i fondi europei, pari a 36 milioni di euro, il Piano Trentino Trilingue è andato via via crescendo nella sua attuazione.

Le classi coinvolte nel 2015 erano 900 e sono ora arrivate a 2200, mentre a fine anno scolastico saranno 750 i docenti formati in maniera definitiva sulla metodologia Clil, 1077 complessivamente quelli coinvolti e 3000 gli studenti che hanno sostenuto il test linguistico realizzato da Iprase.

Le numerose informazioni raccolte in questa prima fase, derivanti da tutte le azioni di accompagnamento, monitoraggio interno e valutazione realizzate nell’arco del biennio 2015-2017, permettono ora di disporre di un’ampia gamma di elementi utili ad un perfezionamento della programmazione prevista nel primo stralcio del Piano.

 

 

*

Questi in sintesi i principali interventi di aggiornamento previsti:

– ridefinire le modalità con cui attuare il Clil;

– incarico a Iprase per potenziamento delle forme di accompagnamento e sostegno del Piano quali: formazione dei docenti, messa a disposizione di materiali Clil e test linguistici, organizzazione di eventi di disseminazione e costante monitoraggio e valutazione di impatto delle azioni previste;

– previsione di una direttiva ad Apran per individuare forme di incentivazione dell’impegno richiesto ai docenti che sono direttamente impegnati in attività didattiche del Piano in Clil.

 

 

 

 

 

 

 

Immagine e video: da comunicato stampa