VIDEONEWS & sponsored

(in )

TRENTINO SVILUPPO * “ENDU“: « DOMENICA 26 APRILE AL VIA LA MARCIALONGA CRAFT, GRANFONDO VIRTUALE DI CICLISMO »

Domenica 26 aprile al via la Marcialonga Craft, granfondo virtuale di ciclismo. La piattaforma Endu offre un’esperienza realistica del percorso, con tanto di telecronaca ufficiale. Engagigo, azienda di Progetto Manifattura, devolverà alla Protezione civile un euro per ogni iscritto.

Endu, piattaforma ideata da Engagigo, azienda specializzata in business e marketing degli sport ad alta resistenza, propone agli appassionati, nei prossimi due week-end, quattro realistiche pedalate virtuali. In collaborazione con gli organizzatori dei singoli eventi, e grazie ad una sofisticata tecnologia, si potrà competere a distanza ma connessi con gli altri partecipanti, tra cui diversi ex ciclisti professionisti, e con il commento di telecronisti ufficiali.

«Un’esperienza unica che permette di mantenere la voglia degli appassionati di pedalare uno a fianco all’altro e mantenere lo spirito della community», anticipano gli organizzatori. L’azienda, con sede a Rovereto in Progetto Manifattura, l’incubatore della green & sport economy di Trentino Sviluppo, devolverà un euro per ogni iscritto alla Protezione civile per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

La sveglia al mattino, la giusta colazione, il ritiro del pacco gara e del dorsale, il completo preferito e… in sella! Sulle salite di Gavia e Mortirolo, tra le Dolomiti di Fiemme e Fassa o sulle orme di Fausto Coppi. Gli appassionati di due ruote a pedali anche in queste giornate di confinamento domestico possono liberare la gamba e la mente per pedalare in modo “professionale” sulle strade di quattro grandi competizioni.

Tra queste c’è anche la trentina Marcialonga Craft. La gara virtuale è in programma domenica prossima 26 aprile, con start digitale alle ore 9 in punto. Si pedala con la propria bici sui rulli, connessi e iscritti grazie alla piattaforma Endu, messa a punto da Engagigo, startup nata in Emilia e con sede operativa in Trentino, prima a Predazzo e ora a Progetto Manifattura, a Rovereto, nel distretto dello sport-tech.

Engagigo (termine esperanto che significa “ingaggio”) attraverso la sua piattaforma digitale Endu, che ha oltre 600 mila iscritti, connette atleti, organizzatori di eventi, aziende, sponsor, media, associazioni sportive e appassionati delle discipline ad alto tasso di resistenza fisica, come ciclismo (granfondo), running, triathlon, sci nordico.

Per i week-end del 25-26 aprile e del 1-3 maggio la startup organizza quattro granfondo virtuali, con un migliaio di iscrizioni virtuali disponibili. La partenza sarà la mattina alle 9 e in questi gironi sono state completate le videoriprese per rendere la pedalata sui rulli il più realistica possibile.
Si parte sabato 25 con la Virtual Granfondo Internazionale Gavia e Mortirolo, domenica 26 la Virtual Granfondo Marcialonga Craft (la gara «in carne ed ossa» era in programma, con l’edizione numero 14, per il 31 maggio ma è stata naturalmente annullata), e nel week-end successivo la Virtual Granfondo La Fausto Coppi (sulle montagne del cuneese) e la Virtual GF Sportful Dolomiti Race (zona del feltrino).

Le manifestazioni virtuali saranno trasmesse in live streaming, commentate da nomi noti del ciclismo come Paolo Mei e Paolo Mutton ed altri illustri ospiti, pedalando assieme a grandi campioni. Agli iscritti (iscrizioni a 14,99 euro sulla piattaforma Endu) andranno anche dei voucher-sconto per l’iscrizione alle prossime gare reali, quando si potrà riprendere l’attività outdoor. Un euro per ogni iscritto verrà devoluto alla Protezione civile italiana per fronteggiare l’emergenza Covid-19.

La Marcialonga Craft virtuale proporrà la salita da Predazzo a Passo San Pellegrino e vedrà pedalare anche Christian Zorzi. Si gareggia con rulli smart trainer (dotati di calcolatori di potenza, cadenza e velocità e connettibili a computer, tablet, smartphone o Apple TV attraverso modalità wireless Bluetooth o ANT+) per avere il massimo grado di coinvolgimento sportivo. Oppure con rulli classici o spin bike, con o senza l’ausilio dei sensori di cadenza e/o velocità. In questo modo, si può prendere parte alla corsa come «watcher», ovvero seguendo un qualsiasi partecipante con rullo smart simulando parallelamente salite, tratti piani e discese. Al termine della performance è necessario l’invio di un file gpx/tcx/fit o un’immagine che dimostri la partecipazione per concorrere alle classifiche.