VIDEONEWS & sponsored

(in )

TRENTINO: FUGATTI, I GIOVANI SCAPPANO QUALI POLITICHE PER RIDURRE TREND NEGATIVO

(Fonte: Maurizio Fugatti) – Interrogazione. Trentino: arrivano i migranti e scappano i giovani trentini. Dati preoccupanti sull’emigrazione dei trentini all’estero. Quali politiche per ridurre il trend negativo?

Secondo i dati forniti dalla Fondazione Migrantes, ad oggi i trentini all’estero sono 54.232 a fronte dei 49.783 del 2016.

Un segnale preoccupante, a maggior ragione se ad emigrare sono per lo più giovani tra i 18 e i 34 anni (25% pari ad oltre 14.000 persone); a seguire troviamo cittadini tra i 35 e i 49 anni (23,5%), tra i 50 e i 64 anni (19%), oltre i 65 anni (17% circa) e tra 0 e 17 anni (15%).

Ma quali sarebbero le motivazioni di questo trend negativo? I ragazzi con formazione universitaria e competenze linguistiche non troverebbero in Trentino posti di lavoro compatibili con il percorso di studi effettuato e con l’elevato bagaglio di conoscenze acquisite.

L’unica strada da percorrere è quindi la ricerca di un’occupazione adeguata all’estero.

Altri deciderebbero di rimanere fuori casa a seguito di un’esperienza temporanea che ha lasciato un’impronta molto positiva mentre altri ancora, in particolar modo le fasce di età avanzata, sceglierebbero di trasferirsi all’estero visto il costo della vita decisamente inferiore rispetto all’Italia.

Le mete privilegiate dei trentini sono Germania, Brasile e Svizzera. Per quanto riguarda invece gli iscritti all’Aire, Trento batte Bolzano: il primo con 9.280 ex cittadini che hanno scelto di vivere all’estero mentre il secondo con 7.031 iscritti all’Aire.

Da quanto emerge è chiaro che la Provincia, per quanto di sua competenza, deve intervenire per cercare di mettere quanto meno un freno all’emigrazione di trentini.

Risulta infatti imbarazzante che una Provincia autonoma con competenze e risorse come il Trentino sia impegnata quotidianamente con importanti risorse provinciali ad accogliere migranti che provengono da ogni parte del globo, mentre si interessa poco dei propri figli costretti a scappare dal Trentino per trovare un lavoro.

 

*

Tutto ciò premesso, si interroga il Presidente della Provincia per sapere:

 

  1. Visti i dati forniti dalla Fondazione Migrantes, quali sono le risposte della Provincia di Trento;
  2. Se si ritenga opportuno rispondere al trend negativo rivedendo le politiche sociali e del lavoro;
  3. A livello di disoccupazione, quali sono i dati oggi in possesso della Provincia di Trento (suddivisi per fasce di età e settori);
  1. Se la Provincia intende manifestare lo stesso interesse alle problematiche dei trentini che emigrano come quello già manifestato nei riguardi dei migranti che arrivano sul nostro territorio.

 

 

A norma di Regolamento, si chiede risposta scritta.

Lega Nord Trentino

Cons. Maurizio Fugatti

 

 

 

 

 

Foto: archivio Frontex