Il timore che dietro le laconiche dichiarazioni del presidente Fugatti di un anno fa, il tema della partecipazione della Provincia al Mediocredito Trentino Alto Adige fosse stato lasciato a sé stesso, mi pare confermato dal tenore della risposta che ho ricevuto oggi alla mia interrogazione immediata.

Di fronte alle considerazioni di scuola fatte dal presidente della Giunta provinciale nell’ottobre scorso – Trento potrebbe vendere la sua quota nella società, oppure potrebbe mantenerla così come Bolzano, o ancora potrebbe acquistare quella oggi in mano a Bolzano – e di fronte alle voci di gruppi bancari, sia con sede a Trento che a Bolzano, potenzialmente interessati all’acquisizione di Mediocredito, ho chiesto quali passi Piazza Dante avesse da allora compiuto, in che direzione e con quale condivisione con la Regione e la Provincia di Bolzano.

La risposta che mi è stata fornita non è purtroppo soddisfacente e, come detto, sembra delineare come assai poco operoso il silenzio che è calato sul tema nell’ultimo anno. Non solo infatti la Giunta esplicita come ancora “in corso di adozione preliminare” il programma di riordino societario per il periodo 2020-2022, dunque con metà del periodo già trascorso, ma con riferimento allo stesso anticipa un lavoro che è ancora del tutto embrionale, che la dovrà condurre a “verificare le condizioni per un rinnovato governo e controllo pubblico” dell’Istituto, e che andrà comunque in futuro “meglio definito”.

Nonostante dunque, da mesi, l’emergenza sanitaria si sia già ampiamente tradotta in emergenza economica, e nonostante dunque l’evidente rilevanza di un ruolo che è propriamente nelle corde del Mediocredito: quello di contribuire ad accompagnare fuori dalla temperie un sistema territoriale delle imprese messo a dura prova, la Giunta provinciale confessa di star ancora lavorando in modo preliminare per verificare delle condizioni che andranno poi in futuro meglio definite rispetto ad un piano che riguarda un biennio per la metà già trascorso… Quando si dice la tempestività!

cons. Giorgio Tonini – Partito Democratico del Trentino