VIDEONEWS & sponsored

(in )

STELLANTIS * ESERCIZIO 2020: « IL CDA HA APPROVATO LA DISTRIBUZIONE DI 1,0 MLD AGLI AZIONISTI, PREVIA APPROVAZIONE DA PARTE DELL’ASSEMBLEA DEL 15 APRILE 2021 »

A seguito della creazione di Stellantis N.V. attraverso la fusione transfrontaliera tra Fiat Chrysler Automobiles N.V. (FCA) e Peugeot S.A. (PSA) il 16 gennaio 2021, con il seguente documento vengono comunicati i risultati delle attività di FCA e PSA per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2020.

 

 

“Questi risultati dimostrano la solidità finanziaria di Stellantis, che nasce dall’unione di due Gruppi sani e forti. Stellantis debutta posizionandosi in alto ed è pienamente concentrata sul raggiungimento delle sinergie preannunciate.”

– Carlos Tavares, CEO di Stellantis

In relazione all’Amendment al Combination Agreement di settembre 2020, il Consiglio di Amministrazione ha approvato la distribuzione di 1,0 miliardi di euro(1) agli azionisti, previa approvazione da parte dell’Assemblea del 15 aprile 2021

Previsioni per il mercato dell’auto nel 2021(2): Nord America +8%, Sud America +20%, Europa +10%, Medio Oriente & Africa +3%, India & Asia Pacifico +3% e Cina +5%

Guidance per il 2021(3): Margine operativo adjusted al 5,5 – 7,5%; assumendo che non vi siano lockdown significativi dovuti al COVID-19

Calendario dei risultati finanziari:

Primo Trimestre 2021 – Vendite e Ricavi – 5 maggio 2021
Primo Semestre 2021 – Risultati Finanziari Completi – 3 agosto 2021 Terzo Trimestre 2021 – Vendite e Ricavi – 28 ottobre 2021

Questi risultati non rappresentano i risultati consolidati di Stellantis N.V.

I risultati del quarto trimestre e dell’intero esercizio 2020 di FCA e dell’esercizio 2020 di PSA saranno presentati tramite conference call e webcast il 3 marzo 2021 alle ore 3:30 p.m. CET / 9:30 a.m. EST. La call sarà accessibile in diretta e, successivamente, in forma registrata sul sito del Gruppo (https://www.stellantis.com/it). Precedentemente alla conference call la relativa documentazione sarà resa disponibile sul medesimo sito.

Si invita a fare riferimento alla sezione “Dichiarazioni Prospettiche” di cui alla pagina successiva.

*Si rimanda alle sezioni “Fourth Quarter Reconciliations”, “FY 2020 Reconciliations” e “Notes” di FCA e alla sezione “Appendix” di PSA della versione in inglese di questo comunicato stampa per le definizioni delle misure finanziarie supplementari dei rispettivi Gruppi e riconciliazioni alle applicabili metriche IFRS.

1

NOTE

(1) Il Combination Agreement, emendato nel Settembre 2020, considerava una potenziale distribuzione per cassa di un miliardo di euro successivamente al completamento della fusione. Il Consiglio di Amministrazione ha deliberato di proporre alla prossima Assemblea degli Azionisti l’approvazione di una distribuzione speciale per cassa di €0,32 per azione ordinaria, corrispondente ad un totale di circa un miliardo di euro (circa 1,2 miliardi di US$ convertiti al cambio della Banca Centrale Europea del 26 febbraio 2021). La distribuzione è subordinata all’approvazione dell’Assemblea prevista per il 15 Aprile 2021. Il calendario previsto per il MTA, Euronext Paris e NYSE è il seguente: (i) ex-date il 19 Aprile 2021, (ii) record date il 20 Aprile 2021 e (iii) data di pagamento il 28 aprile 2021.
(2) Fonte: IHS Global Insight, Wards, China Passenger Car Association e stime di Gruppo
(3) L’utile/(perdita) operativa adjusted esclude rettifiche apportate all’utile/(perdita) operativa tra cui oneri di ristrutturazione, svalutazioni di attività, cessione di partecipazioni e proventi/(oneri) operativi atipici considerati eventi rari o isolati di natura non ricorrente in quanto l’inclusione di tali voci non è considerata indicativa dell’andamento operativo ordinario del Gruppo. La Guidance non considera gli impatti correlati alle rettifiche che saranno rilevate in sede di Purchase accounting o a seguito di variazioni nell’applicazione di principi contabili come richiesto dagli IFRS in relazione alla fusione.

 

*

DICHIARAZIONI PROSPETTICHE

Il presente documento, con riferimento in particolare alla guidance per il 2021, contiene dichiarazioni prospettiche. In particolare, dichiarazioni relative alla performance finanziaria futura e le aspettative della Società relativamente al raggiungimento di determinate grandezze obiettivo, tra cui ricavi, free cash flow industriale, consegne di veicoli, investimenti, costi di ricerca e sviluppo, e altri costi in date future o in periodi futuri sono dichiarazioni prospettiche. In alcuni casi, tali dichiarazioni possono essere caratterizzate da termini quali “può”, “sarà”, “ci si attende”, “potrebbe”, “dovrebbe”, “intende”, “stima”, “prevede”, “crede”, “rimane”, “in linea”, “pianifica”, “target”, “obiettivo”, “scopo”, “previsione”, “proiezione”, “aspettativa”, “prospettiva”, “piano”, o termini simili. Le dichiarazioni prospettiche non costituiscono una garanzia o promessa da parte del Gruppo riguardo ai risultati futuri. Piuttosto, sono basate sulla conoscenza attuale a disposizione del Gruppo, sulle aspettative e proiezioni future del Gruppo circa eventi futuri e, per loro stessa natura, sono soggette a rischi inerenti e incertezze. Tali dichiarazioni si riferiscono a eventi, e dipendono da circostanze, che potrebbero effettivamente verificarsi in futuro oppure no. Pertanto, è opportune non fare indebito affidamento su tali affermazioni.

I risultati futuri potrebbero differire significativamente da quelli contenuti nelle dichiarazioni prospettiche a causa di una molteplicità di fattori, tra cui: l’impatto della pandemia da COVID-19; la capacità del Gruppo di lanciare nuovi prodotti con successo e di mantenere determinati volumi di consegne di veicoli; cambiamenti nei mercati finanziari globali, nel contesto economico generale e variazioni della domanda nel settore automobilistico, che è soggetto a ciclicità; variazioni delle condizioni economiche e politiche locali, variazioni delle politiche commerciali e l’imposizione di dazi a livello globale e regionale o dazi mirati all’industria automobilistica, l’adozione di riforme fiscali o altri cambiamenti nelle normative e regolamentazioni fiscali; la capacità del Gruppo di ampliare il livello di penetrazione di alcuni dei propri marchi nei mercati globali; la capacità del Gruppo di offrire prodotti innovativi e attraenti; la capacità del Gruppo di sviluppare, produrre e vendere veicoli con caratteristiche avanzate tra cui potenziate funzionalità di elettrificazione, connettività e guida autonoma; vari tipi di reclami, azioni legali, indagini governative e altre potenziali fonti di responsabilità, inclusi procedimenti concernenti responsabilità da prodotto, garanzie sui prodotti e questioni, indagini e altre azioni legali in ambito di tutela dell’ambiente; costi operativi di importo significativo correlati alla conformità con le normative di tutela dell’ambiente, della salute e della sicurezza sul lavoro; l’intenso livello di concorrenza nel settore automobilistico, che potrebbe aumentare a causa di consolidamenti; l’eventuale incapacità del Gruppo di finanziare taluni piani pensionistici; la capacità di fornire o organizzare accesso ad adeguate fonti di finanziamento per i concessionari e per la clientela finale e rischi correlati alla costituzione e gestione di società di servizi finanziari; la capacità di accedere a fonti di finanziamento al fine di realizzare i piani industriali del Gruppo e migliorare le attività, la situazione finanziaria e i risultati operativi del Gruppo; significativi malfunzionamenti, interruzioni o violazioni della sicurezza dei sistemi di information technology o dei sistemi di controllo elettronici contenuti nei veicoli del Gruppo; la capacità del Gruppo di realizzare benefici previsti da joint venture; interruzioni dovute a instabilità di natura politica, sociale ed economica; rischi correlati ai rapporti con dipendenti, concessionari e fornitori; aumento dei costi, interruzioni delle forniture o carenza di materie prime; sviluppi nelle relazioni sindacali, industriali e nella normativa giuslavoristica; fluttuazioni dei tassi di cambio, variazioni dei tassi d’interesse, rischio di credito e altri rischi di mercato; rischi di natura politica e tensioni sociali; terremoti o altri disastri; il rischio che le attività di PSA e FCA non siano integrate con successo e altri rischi e incertezze.

Le dichiarazioni prospettiche contenute nel presente documento devono considerarsi valide solo alla data del presente documento e il Gruppo non si assume alcun obbligo di aggiornare o emendare pubblicamente tali dichiarazioni. Ulteriori informazioni riguardanti il Gruppo e le sue attività, inclusi taluni fattori in grado di influenzare significativamente i risultati futuri del Gruppo, sono contenute nei documenti depositati da FCA presso la Securities and Exchange Commission (incluso il Registration Statement su Form F-4 dichiarato efficace dalla SEC il 20 novembre 2020), l’AFM e la CONSOB e nei documenti depositati da PSA presso l’AMF.