News immediate,
non mediate!

SETTIMANALE CHI * NINA MORIC: ” VI PREGO RIDATEMI MIO FIGLIO CARLOS, NON STA BENE, HA BISOGNO DI SUA MADRE, ANCHE CORONA DICE CHE DOVREBBE TORNARE DA ME ” “

Scritto da
10:50 - 2/05/2018

«Mio figlio Carlos Maria non sta bene, ha bisogno di sua madre. Da quando ci hanno separati, sono passati ormai tre anni, Carlos ha chiuso con l’affetto, si è dissociato dalle emozioni perché non vuole soffrire più.

Il distacco da me è stato il più grande dolore della sua vita. E anche della mia». Questo il disperato appello che Nina Moric affida in esclusiva al settimanale Chi, perché i giudici rivedano il provvedimento che nell’aprile del 2015 collocò il figlio Carlos Maria, nato dal matrimonio con Fabrizio Corona, presso la nonna paterna.

«L’atrocità di quello che mi stanno facendo non ha limiti», spiega Nina Moric a Chi «e io non smetterò mai di combattere per mio figlio perché sono sua madre e lo amo più della mia vita, voglio solo che torni a casa sua.

Questo massacro deve finire, c’è un bambino che soffre per colpa di un sistema che ha fatto i calcoli sbagliati. Non porto rancore verso Gabriella Corona, ma come fa una madre a fare la guerra a un’altra madre? Se fosse stato vivo il padre di Fabrizio, Vittorio Corona, si sarebbe vergognato di quello che mi stanno facendo, lui era un grande uomo. Persino Fabrizio ha detto: ‘Lasciate Carlos a Nina, è una buona madre’. Mi conosce e ritiene che nostro figlio debba tornare da me».

La modella croata sta affrontando un momento difficile, dopo aver lasciato, dopo quattro anni d’amore, il compagno Luigi Maria Favoloso che è entrato nella casa del Grande Fratello. «Non ero d’accordo», spiega Nina Moric a Chi. «Se dici d’amare una donna non la lasci sola in un momento come questo, ma esiste il libero arbitrio. Non andrò in tv per nessuna cifra, questa volta mi tiro fuori.

Esiste una cosa che si chiama dignità e che viene prima di tutto. Favoloso ha scelto di fare il GF anziché stare di fianco a me, non avevo bisogno di una persona che sceglie il GF in luogo della sofferenza. Io faccio la mia vita, lotto per mio figlio, lavoro: quando mi riportano quello che fa nella Casa è lo spunto per capire chi sia veramente questa persona. Quindi in bocca al lupo».

Categorie Articolo:
LANCIO D'AGENZIA

I commenti sono chiusi.