VIDEONEWS & sponsored

(in )

SENATO: GRUPPO MISTO, NASCE L’ENNESIMA COMPONENTE COMPOSTA DA UN SENATORE

(Fonte: Openpolis) – Nuova componente del gruppo Misto al senato, e fanno 11 0 Commenti 15 settembre 2017 InParlamento Stefano Bertacco passa da Forza Italia al gruppo Misto, formando la componente di Fratelli d’Italia. È l’undicesima, e la sesta composta da un solo senatore.

A Palazzo Madama le componenti del Misto non sono regolamentate, e non ci sono soglie minime di membri per crearne una. Riprendono i lavori del parlamento, e ricomincia l’eterno valzer politico.

Al senato è arrivato il 229° cambio di gruppo da inizio legislatura, con il senatore Stefano Bertacco che è passato da Forza Italia al gruppo Misto.

In totale da inizio legislatura ci sono stati 525 cambi di casacca, portati a termine da 337 parlamentari (203 deputati e 134 senatori).

Il 35,47% dell’aula ha quindi modificato il suo gruppo di appartenenza almeno una volta dalle politiche del 2013. Un valzer continuo che questa volta genera ancora più confusione del solito.

Bertacco ha infatti formato all’interno del gruppo la componente “Fratelli d’Italia”. Le componenti del Misto sono l’espressione delle diverse anime politiche di un gruppo che nasce da regolamento per raccogliere i non iscritti agli altri gruppi.

Attualmente ce ne sono 11: Sinistra italiana-Sinistra ecologia e libertà (7 senatori), Udc (4), Fare! (3), Italia dei valori (3) e Insieme per l’Italia (2).

A seguire ci sono ben 6 componenti composte da un solo senatore, nello specifico: Campo progressista-Sardegna, Federazione dei Verdi, Liguria civica, Movimento la Puglia in più, Movimento X e l’ultima arrivata Fratelli d’Italia. Com’è possibile che il 54,54% delle componenti del Misto abbia un solo senatore?

A differenza di quanto avviene alla camera (art.14 comma 5 del regolamento), a Palazzo Madama la materia non è assolutamente normata.

Il concetto di componente politica nel regolamento del senato non compare mai, se non in materia di interpellanze con procedimento abbreviato (art. 156-bis).

Anche nello statuto del gruppo Misto (sempre a differenza di quello che avviene alla camera) la gestione delle componenti politiche non è contemplata da nessuna parte.

Quindi, mentre a Montecitorio una componente deve avere quantomeno di 10 deputati, al senato non ci sono chiari requisiti minimi. In pratica le componenti esistono, ma non ci sono regole sul loro funzionamento.

Qualsiasi senatore del gruppo misto, con l’ok della presidenza del gruppo, può decidere di creare la sua componente. Una situazione analoga a quella di altri gruppi come Gal, che attualmente è composto da 5 diverse fazioni.

Ma mentre in altri gruppi rappresenta un’eccezione, nel misto la creazione di componenti è normale, e quindi l’esigenza di regolamentarle meglio appare evidente.

Non solo, a Montecitorio, in quanto riconosciute formalmente, ricevono anche un contributo economico per svolgere le proprie attività istituzionali. Una possibilità che formalmente al senato non esiste.

Come già sottolineato a luglio in un parlamento con 10 cambi di gruppo al mese, regolamentare le componenti in tutti i gruppi parlamentari (quantomeno armonizzando le regole del misto nei due rami), rappresenta uno step fondamentale nel processo di accountability e di chiarezza politica nei confronti dei cittadini.

 

 

 

 

 

 

In allegato la tabella grafica contenuta nel comunicato stampa: