VIDEONEWS & sponsored

(in )

SEN. DE BERTOLDI (FDI) * GIORNO DEL RICORDO: « IL SINDACO DI TRENTO FACCIA COME IL PRESIDENTE MATTARELLA E RICONOSCA LE RESPONSABILITÀ STORICHE DIRETTE ED INEQUIVOCABILI DEI COMUNISTI »

Giorno del Ricordo, de Bertoldi (FDI): Il Sindaco di Trento faccia come il Presidente Mattarella e riconosca le responsabilità storiche dirette ed inequivocabili dei Comunisti.

Prendo atto con piacere che il Sindaco Ianeselli ha voluto ricordare senza infingimenti il dramma delle foibe, per troppi anni vergognosamente negato ed addiritura strumentalizzato dalla Sinistra italiana, e mi unisco al ricordo trasversale della Politica e delle Istituzioni. Lo invito però, sull’esempio del Presidente della Repubblica Mattarella, a qualificare gli stragisti dell’epoca con il loro nome e cognome: partigiani comunisti titini, purtroppo anche di nazionalità italiana. Credo che la Sinistra italiana, ed auspico pure quella trentina, debbano infatti accettare serenamente le inequivocabili conclusioni storiche del Parlamento europeo sui regimi nazisti e comunisti, equiparati nell’orrore e nella condanna con la risoluzione del settembre 2019.

Ho invece notato con estremo dispiacere che il comunicato del Sindaco di Trento è ridondante di richiami al fascismo, ma non ha ricompreso neppure una volta il termine comunismo, cioè il termine che qualifica senza se e senza ma, e soprattutto senza attenuanti storiche, le stragi compiute sui nostri concittadini sotto l’egida della falce e martello. Credo che la Verità storica debba prevalere anche sul passato politico di ciascuno, soprattutto quando si interviene a livello istituzionale. Sono certo che il Sindaco di Trento vorrà quindi convenire con me, ponendo una chiara parola di condanna sugli autori morali e materiali dei tragici delitti di migliaia di cittadini inermi ed indifesi, senza tacerne la chiara provenienza politica ed ideologica.

 

*

Andrea de Bertoldi

Senatore del Collegio di Trento di FDI