VIDEONEWS & sponsored

(in )

SAT – TRENTO * PREMI 2021: « I RICONOSCIMENTI AGLI ALPINISTI ROSA MOROTTI E MARIO CORRADINI ED AL BOTANICO – BIOLOGO ALESSIO BERTOLLI »

Sono l’alpinista ROSA MOROTTI, il botanico-biologo ALESSIO BERTOLLI, l’alpinista “solidale” fondatore dell’Associazione “Ciao Namastè” MARIO CORRADINI i premiati del PREMIO SAT 2021.

La cerimonia, che si è tenuta venerdì 11 giugno presso lo Spazio Alpino della Casa Sat, è stata seguita anche in diretta Facebook e YouTube direttamente dalle pagine SAT.
“Il PREMIO SAT è un riconoscimento sempre atteso e importante – ha detto il presidente della Giuria del Premio, Franco Giacomoni – Arrivato alla sua 22esima edizione è strettamente legato alla vita sociale e culturale della Società Alpinisti Tridentini. È un premio per coloro che si sono distinti nel tempo per attività alpinistica, produzione scientifica e attività sociale. E quest’anno, sarò sincero, non mi è stato facile riuscire a trovare un equilibrio, nell’introdurre i premiati, tra i loro incredibili curricula e le ragioni del riconoscimento”.

La Giuria del Premio – composta da Franco Giacomoni alla presidenza; Anna Facchini, presidente SAT; Armando Tomasi, presidente commissione storico-culturale e biblioteca SAT; Palma Baldo alpinista; Carlo Ancona consigliere SAT e CAI; Marco Benedetti, giornalista e direttore del Bollettino della SAT – ha così consegnato ai vincitori uno dei premi più ambiti e simbolici per gli appassionati di montagna: un’opera d’arte unica e non riproducibile, un’incisione di Remo Wolf, prestigioso artista trentino, che insieme a Mario Rigoni Stern tenne a battesimo la Biblioteca della Montagna SAT e autore dell’ “ex libris” della Biblioteca stessa. Oltre alla preziosa incisione, i premiati hanno ricevuto la spilla commemorativa del Premio SAT.

“Negli anni – ha proseguito Giacomoni – il Premio è stato in grado di scoprire e mettere in luce personaggi, associazioni, o enti anche poco noti al grande pubblico, ma con all’attivo un carnet di imprese, di ricerche, di scritti, oppure azioni umanitarie, di indiscusso valore universale. Soltanto due sono stati i premi alla carriera alpinistica – a Cesare Maestri e ad Armando Aste – , perché lo scopo del Premio è proprio quello di promuovere interpreti della montagna a tutto tondo, nuove e antiche realtà, nuove e autorevoli figure, che sanno donare alla montagna il proprio contributo in termini di capacità, talento o abnegazione”.

Giacomoni, nell’introdurre la cerimonia, si è soffermato sul particolare momento che stiamo vivendo, sulle difficoltà che ha causato questa pandemia e i tanti che si sono prodigati per aiutare chi si è trovato più in difficoltà, “penso, a proposito, al nostro CAI che, di fronte della tragedia del Covid ha voluto compiere un gesto concreto di solidarietà stanziando mezzo milione di euro per sostenere in tutto il Paese l’assistenza domiciliare a chi ne ha più bisogno”.

Giacomoni, tornando indietro nel tempo, ha ricordato come la “pianta della solidarietà sia ancora viva nel tempo dopo 113 anni. Quando a Messina il 28 dicembre 1908 ci fu un terremoto che causò 80.000 morti, l’allora presidente Guido Larcher, insieme ad altri soci scese in Sicilia per aiutare la popolazione e trovando una bambina che aveva perso letteralmente tutto la portò con sé in Trentino, l’adottò e la fece studiare”.

Per il presidente della Giuria: “i premiati 2021 rappresentano dunque, simbolicamente, forestali che curano e tengono robusta la pianta della solidarietà”.
A consegnare i premi sono stati: Anna Facchini, presidente della SAT; Mauro Leveghi, presidente Trento Film Festival; Elisabetta Bozzarelli assessora al turismo del Comune di Trento.

“E’ un onore per me consegnare questo premio – ha detto la presidente SAT, Anna Facchini – soprattutto pensando che lo faccio in rappresentanza di tutti i Consiglieri e di tutti soci, affettuosamente vicini in occasioni di festa come questa. La diffusione di Covid19 ci ha fatto scoprire o riscoprire il significato della ‘vicinanza’, delle relazioni sociali, del riavvicinamento tra persone. Un’occasione come questa diventa quindi ancora più importante per riflettere sulla centralità e il significato delle relazioni umane”.

Elisabetta Bozzarelli si è soffermata sui valori della SAT: “Se una persona si fermasse all’acronimo, SAT, Società Alpinisti Tridentini, non capirebbe la complessità di ciò che questo sodalizio rappresenta. Alpinismo, certo, ma inteso come passione per “l’alpe”: scalata alle cime, ma soprattutto cura del territorio, impegno per la valorizzazione e la tutela del patrimonio naturale. E poi cultura, studio, riflessione a 360 gradi sulle terre alte e le loro genti. Solidarietà e amicizia, in un vincolo che unisce tutte le montagne del mondo. E il Premio SAT, ancora una volta, riesce a condensare tutto questo e a dargli piena concretezza”.

Cosi Mauro Leveghi, presidente del Trento Film Festival: “Consegnare un prestigioso riconoscimento come il Premio SAT, per il Trento Film Festival è un grande onore, ma anche l’occasione per manifestare la propria riconoscenza a chi, con il proprio impegno, come Morotti, Bertolli e Corradini, rende viva e partecipe la montagna, dando linfa a quelle culture delle alte quote che rappresentano sempre di più dei modelli da seguire, soprattutto in questo momento di profondi cambiamenti sociali e ambientali e che noi come festival continueremo a raccontare attraverso l’arte del cinema e della parola”.

In collegamento i saluti anche di Vincenzo Torti, presidente Generale del CAI che ha voluto mettere in evidenza come il PREMIO SAT “è sempre occasione straordinaria perché premia persone che, senza clamore, esprimono abilità particolari e sicuramente degne di nota”.

 

*

Ed ecco i premiati e le motivazioni del PREMIO SAT 2021

ATTIVITA’ ALPINISTICA
ROSA MOROTTI Eccezionale alpinista, accademica del CAI, Rosa Morotti ha saputo affrontare, con grande coraggio, i grandi dolori che la vita le ha serbato. Nelle salite di altissimo livello, che anche oggi affronta, ha trovato la forza per proseguire il suo arduo percorso. Il suo è un alpinismo di ricerca che trova attuazione in ogni parte del mondo. Rosa Morotti ha affrontato la ripetizione di molte vie che hanno fatto la storia dell’alpinismo. Le ormai classiche salite rappresentate: dallo sperone Walker delle Jorasses, dal pilone Centrale del Freney, dalle pareti Nord dell’Eiger e del Cervino, sono solo il preambolo di itinerari molto più impegnativi che Rosa ha affrontato, come le ben sei vie sul Capitan in California e numerose altre ascensioni in Canada e in Alaska. Rosa non si è mai negata dall’aprire numerosi percorsi, soprattutto di misto, sulle Alpi svizzere. Ha anche un’attività sci-alpinistica di altissimo livello che, unita a varie esperienze andine e himalayane, la rende un’alpinista veramente completa. Il premio SAT, quest’anno, premia quindi una donna straordinaria che ha dimostrato, senza clamori, di essere una grande alpinista.

 

*

PRODUZIONE SCIENTIFICA
ALESSIO BERTOLLI Alessio Bertolli è stato avviato alla botanica dall’onda della passione che gli è stata trasmessa fin da piccolo da papà Luciano, recentemente scomparso, e dalla mamma Paola . Il suo percorso di studi lo ha portato a laurearsi in Scienze Biologiche a Padova per poi, nel 2000, diventare collaboratore della sezione botanica del Museo Civico di Rovereto nel campo della ricerca floristica e della didattica. Alessio Bertolli ha all’attivo numerosissime escursioni di rilevamento della flora spontanea delle provincie di Trento e Verona, nonché è scopritore, assieme a Filippo Prosser, di due nuove specie floristiche.

 

*

ATTIVITA’ SOCIALE
MARIO CORRADINI Ottimo alpinista sulle montagne del mondo, compilatore attento e informato di guide escursionistiche, pioniere interessato alle realtà alpinistiche e culturali dell’est europeo e promotore di momenti di incontro e amicizia in quei mondi. Suo il grande affetto e vicinanza con Cecilya Kukuczka moglie del grande Jerzy. Questo imponente patrimonio di conoscenze e sensibilità lo hanno portato a fondare l’Associazione Ciao Namastè che trascinata dal suo entusiasmo e dalle sue indubbie capacità organizzative fa germinare scuole e strutture che infittiscono la grande foresta della solidarietà alpinistica.