I RUOLI DELLA "PROCURA“ E "SEZIONE CONTROLLO"

 

Intervista a Marcovalerio Pozzato - Procuratore Corte dei Conti Trento

Aggiornamento Def. Paoloni (Sap): «Sicurezza e uomini in divisa non passino in second’ordine».

«Il nostro contratto di lavoro è scaduto da quasi un anno, dopo dieci anni di blocco ingiustificato. Non abbiamo mezzi, dotazioni e adeguate tutele per il servizio che siamo chiamati a rendere alla collettività. Il Governo non ponga in second’ordine la sicurezza e le esigenze di uomini e donne in divisa».

Sono queste le dichiarazioni di Stefano Paoloni, Segretario Generale del Sindacato Autonomo di Polizia (Sap), all’indomani dell’approvazione della nota di aggiornamento al documento di economia e finanza.

«Nelle previsioni di spesa di un Governo – prosegue Paoloni – non può non essere menzionata la sicurezza, considerato che, ad oggi, le condizioni dell’apparato risentono ancora dei tagli dettati dalle infauste politiche dei precedenti governi delle precedenti legislature. Per chi rischia su strada quotidianamente, si deve garantire il pagamento degli straordinari, servono idonee dotazioni per svolgere un servizio efficiente, il contratto è scaduto e il riordino delle carriere ancora non soddisfa le legittime aspettative del personale. Per non parlare – continua – delle vacanze di organico che ci costringono in situazioni di emergenza, come quella degli sbarchi, a svolgere turni massacranti talvolta di 12 ore consecutive.

L’appello che lanciamo al Governo è che continui su quella che era la strada intrapresa dal precedente esecutivo, per il quale la sicurezza era una priorità tra le linee programmatiche. Gli uomini e le donne in divisa – conclude – servono il Paese e non si può pensare al bene del Paese se non si investe sulla sicurezza dei suoi cittadini».