Le parole, che riporto di seguito, del vice presidente della Camera di Commercio confermano e rafforzano il senso di preoccupazione che ho avuto modo di esprimere più volte in questi mesi e recentemente anche sede di prima illustrazione del bilancio della Provincia.

I conti della nostra autonomia sono in pericolo se non si mette al centro dell’azione politica e amministrativa la definizione di un articolato approccio alla crescita da una parte e alla blindatura delle nostre risorse dall’altra.

Viceversa la preoccupazione ora aumenta perché nei documenti di bilancio non si vede nessuna strategia per far fronte a questo stato di cose, se non un generico, e poco concreto sotto il profilo delle risorse, richiamo a “investimenti pubblici”.

Con gli slogan non si possono affrontare queste problematiche. Serve politica, alta e concreta allo stesso tempo.

 

*

Ugo Rossi

L’economia provinciale – ha commentato Graziano Rigotti, Vicepresidente della Camera di Commercio di Trento – è interessata da una fase di rallentamento che si accentua ulteriormente in questo terzo trimestre dell’anno. A destare maggiori preoccupazioni, più che la dinamica economica attuale, che, sebbene in frenata, si caratterizza ancora per una timida crescita, è soprattutto il forte ridimensionamento degli strumenti di contrasto a una fase ciclica negativa. La contrazione delle risorse che interesserà nei prossimi anni il bilancio provinciale rende assolutamente necessario un attento e selettivo processo di spesa indirizzandola verso gli investimenti che generino i ritorni migliori”.