Una proposta a titolo collaborativo per l’assessore Bisesti. Con l’emergenza Coronavirus la scuola trentina ha impresso una significativa e meritoria accelerazione alla didattica on line.

Sono tantissimi gli sforzi che tutte le scuole stanno facendo per cercare di limitare gli effetti negativi della lunga permanenza a casa. Per questo ringraziamo tutti quanti si stanno adoperando con spirito di servizio e grande impegno.

Naturalmente, nonostante questo sforzo, la diversa situazione logistica (diffusione della rete), familiare (sociale ed economica) e anche organizzativa di ogni istituto impedisce di raggiungere tutti i ragazzi con la stessa efficacia.

A questo proposito e senza pensare di sostituire con questo una vera didattica e di voler limitare l’autonomia scolastica, perché non pensare, almeno per le elementari e medie, alla registrazione di moduli formativi da parte di insegnanti selezionati che potrebbero poi andare in onda sulle televisioni private del Trentino? Abbiamo due televisioni con un numero di ore di trasmissione piu’ che sufficienti.

Si tratta di strutturare un programma “minimale” per ognuna delle 8 classi che fornisca spunti per l’apprendimento e strumenti per consentire ai genitori di sostenere, con anche una quota di “lavoro” a casa (compiti), i figli.

Un percorso che fornisca elementi di base comuni ai programmi scolastici.

A questo potrebbe essere associato anche un numero verde della Provincia per una vicinanza alle famiglie.

Non credo possa essere cosi’ difficile organizzare una simile iniziativa e penso che alla luce del possibile prolungamento del periodo di chiusura delle scuole forse valga la pena pensarci.

Certo questo non puo’ e non vuole sostituire l’operato meritorio di tutti quegli insegnanti che oggi stanno lavorando online, ma sicuramente aggiunge un’opportunità a quelle famiglie che per svariati motivi non riescono ad avvalersene positivamente.

 

*

Ugo Rossi
Michele Dallapiccola
Paola Demagri.