VIDEONEWS & sponsored

(in )

ROSSATO (FDI) * TURISMO: « CARENZA DI FIGURE PROFESSIONALI IN TRENTINO, MOLTI CON IL REDDITO DI CITTADINANZA RIFIUTANO LE OFFERTE DI LAVORO »

Carenza stagionali turismo, Rossato (Fratelli d’Italia): “Criticità da risolvere. Molti con il reddito di cittadinanza rifiutano le offerte di lavoro”-

Nella giornata di ieri la Consigliera Rossato ha presentato un’’interrogazione a risposta immediata nella quale ha evidenziato la carenza di figure professionali quali cuochi, camerieri, lavapiatti e pizzaioli su tutto il territorio provinciale.

Se non affrontata tempestivamente, tale criticità potrebbe incidere negativamente sulla qualità della nostra offerta turistica, tradizionalmente fiore all’occhiello dell’economia trentina.

La consigliera di Fratelli d’ Italia ha interrogato la Giunta provinciale per sapere se sia a conoscenza del problema e quali soluzioni intenda porre in essere per favorire l’incontro di domanda e offerta di lavoro nel settore turistico e della ristorazione per l’imminente stagione estiva.

Nella sua risposta il presidente Fugatti ha ricordato il protocollo d’intesa sottoscritto il 10 marzo 2020, sulla base del quale ha preso avvio la campagna di reclutamento per la stagione turistica estiva che oggi ha permesso di raccogliere 1.208 candidature in risposta a 360 annunci di lavoro veicolati dai Centri per l’impiego. Inoltre se i lavoratori stagionali beneficiari di una specifica indennità in base alla legge provinciale 7 del mese scorso non riuscissero a rioccuparsi nel settore durante la stagione estiva, verranno attivati specifici programmi formativi per salvaguardarne le competenze e la continuità lavorativa.

Quanto al Fondo di solidarietà, il Presidente ne ha ricordato la natura bilaterale in quanto formato da associazioni di categoria e organizzazioni sindacali che sono titolari delle decisioni, delle iniziative e degli strumenti da adottare con il sostegno dalla Provincia. Tuttavia – ha aggiunto – la Provincia vuole interloquire con il Fondo per individuare soluzioni di medio-lungo periodo per stabilizzare il mercato del lavoro del settore turistico per una gestione coordinata degli strumenti esistenti. In tal senso è stata avviata una riflessione anche nell’ambito degli Stati generali del lavoro con il coinvolgimento del settore della formazione professionale.

Nella sua replica la consigliera Rossato ha sottolineato la rilevanza della problematica per il turismo e ricordato che molti lavoratori con reddito di cittadinanza rifiutano le offerte di lavoro che dovrebbero invece per legge essere accettate.