VIDEONEWS & sponsored

(in )

RETE 4 * “ DRITTO E ROVESCIO ”: « QUESTA SERA LE DICHIARAZIONI DEI MINISTRI DELL’INTERNO SEEHOFER E LAMORGESE SULL’ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI »

Continua l’inchiesta di “Dritto e rovescio”, in onda questa sera in prima serata su Retequattro, in merito alle promesse disattese dall’Europa nell’accoglienza dei migranti sbarcati in Italia.

Questa settimana le telecamere della trasmissione si sono recate a Monaco di Baviera, al vertice dei ministri dell’Interno dei Paesi del G6, per chiedere alla Germania come mai non abbia rispettato gli accordi presi con l’Italia per gli sbarchi delle navi Sea Watch, Gregoretti e Open Arms. La Germania si era impegnata con il nostro Paese ad accogliere parte dei migranti arrivati con queste navi e invece non l’ha fatto. Perché? Il ministro dell’Interno tedesco Horst Seehofer ha risposto così ai microfoni della trasmissione: «Rispetteremo gli accordi presi solo quando avrò la certezza che questi migranti non costituiscano una minaccia per la sicurezza tedesca. Prima di allora non faremo niente».

Inoltre, in questa puntata, anche le dichiarazioni del ministro dell’Interno in Italia Luciana Lamorgese alla quale è stato chiesto com’è possibile che la Germania non mantenga la parola: «Certamente l’Europa aveva iniziato con numeri molto limitati però l’aggiornamento mi dice che si sta procedendo in maniera più rapida. L’accordo di Malta, laddove noi riusciremo a chiuderlo entro la fine dell’anno, comporterà anche dei tempi certi». E infine, fa una promessa: «Mi impegno anche con gli altri Paesi di seguire e di verificare che ci sia un’ordinata gestione della problematica».

 

A “DRITTO E ROVESCIO”
IN MERITO ALLE PROMESSE DISATTESE DALL’EUROPA NELL’ACCOGLIENZA DEI MIGRANTI

IL MINISTRO DELL’INTERNO TEDESCO HORST SEEHOFER:
«RISPETTEREMO GLI ACCORDI PRESI SOLO QUANDO AVRÒ LA CERTEZZA CHE I MIGRANTI NON COSTITUISCANO UNA MINACCIA PER LA SICUREZZA TEDESCA»

IL MINISTRO DELL’INTERNO ITALIANO LUCIANA LAMORGESE:
«MI IMPEGNO AFFINCHÉ L’EUROPA SIA PIÙ ATTENTA A MANTENERE LA PAROLA DATA»