VIDEONEWS & sponsored

(in )

RCC * STRAGE DI ERBA: L’AVVOCATO DI OLINDO E ROSA, « REVISIONE DEL PROCESSO? SONO FIDUCIOSO, L’ANALISI DEI REPERTI E NUOVI TESTIMONI POTREBBERO PORTARE ALL’ASSOLUZIONE »

I recenti nuovi sviluppi hanno riportato al centro delle cronache la strage di Erba avvenuta l’11 dicembre 2006 e per la quale sono stati condannati all’ergastolo Olindo Romano e Rosa Bazzi, ritenuti responsabili dell’uccisione del piccolo Youssef Marzouk, di Raffaella Castagna, Paola Galli e Valeria Cherubini.

L’avvocato Fabio Schembri, uno dei legali di Olindo e Rosa intervistato per “La Storia Oscura” da Fabio Camillacci, ha svelato la strategia per ottenere la revisione del processo e si è dichiarato ottimista in tal senso: “Ci sono grandi possibilità di arrivare alla revisione del processo -ha detto l’avvocato Schembri- noi ci stiamo lavorando.

Innanzitutto vorremmo analizzare i pochi reperti rimasti sulla scena del crimine, dopo che gli altri qualcuno ha pensato bene di distruggerli senza motivo. Sono al lavoro anche tutti i nostri consulenti e tramite indagini difensive stiamo raccogliendo anche degli elementi dichiarativi. Una volta assemblato il tutto procederemo ad avanzare l’istanza di revisione.

Noi non vogliamo lasciare nulla di intentato. Nel caso in cui ci consentissero, così come disposto dalla Corte di Cassazione, di fare esami approfonditi su quei reperti, vedremo che cosa esce. Ricordo che su quei reperti, così come sull’intera scena del crimine, i Ris di Parma non hanno trovato tracce di Olindo e Rosa ma di altre persone.

Oltre a questo noi riteniamo che ci siano degli elementi tecnicamente nuovi che possono condurre a una richiesta di revisione che speriamo venga accolta; ma io sono molto ottimista.

Adesso il primo passo da compiere è ottenere il via libera per l’analisi dei reperti. Credo che entro 3-4 mesi potremo essere pronti per presentare istanza di revisione del processo.

Puntiamo a una cosa sola: che dei giudici, in nome del popolo italiano, rivedano tutto e possano eventualmente emettere una sentenza di assoluzione per Olindo Romano e Rosa Bazzi. Gli elementi per farlo ci sono tutti”.