VIDEONEWS & sponsored

(in )

RAI * ” THE VOICE OF ITALY 2018 “: MARYAM TANCREDI, LA CANTANTE NAPOLETANA DEL TEAM AL BANO SI AGGIUDICA IL TITOLO CON IL 64,81% DI VOTI

È Maryam Tancredi la vincitrice di “The Voice of Italy 2018”, che si aggiudica il contratto discografico con Universal Music Italia. In una sfida all’ultimo brano tra i quattro finalisti, dopo un percorso durato otto settimane, molte scelte tormentate, colpi di scena e rinunce, il pubblico da casa ha decretato la vittoria della giovane cantante con il 64,81% di voti, in un gran finale dal vivo pieno di emozioni.

Il sipario cala su The Voice of Italy, registrando un ascolto medio di 1milione 750mila telespettatori, con un picco di 2milioni 372 raggiunto dopo l’esibizione di Andrea Butturini in duetto con la sua coach Cristina Scabbia, su Under pressure dei Queen. Lo share, del 10% (12,3 nella fascia 11-14 anni), ha toccato il 15.40% al momento della proclamazione della vincitrice.

Sul canale ufficiale YouTube di The Voice Italia i video delle esibizioni hanno registrato 20 milioni di visualizzazioni. E i video on demand su RaiPlay hanno totalizzato complessivamente 21,4 milioni di visualizzazioni. Per tutta la durata della seconda parte del programma e durante la proclamazione del vincitore, #TVOI è stato al primo posto dei TT Italia e al quinto posto dei TT Mondo.

Grande soddisfazione per il gradimento di pubblico ottenuto da questa quinta edizione del talent è stata espressa dal direttore di Rai2, Andrea Fabiano: “E’ stata una scommessa non scontata. Aver ridotto la durata e il numero delle puntate di The Voice è stato premiante: ha dato una nuova personalita’ al programma.

I talenti in gara sono stati valorizzati e la musica è tornata ad essere protagonista della scena”. Fabiano ha poi voluto condividere questo successo con i coach J-Ax, Al Bano, Cristina Scabbia e Francesco Renga, il conduttore Costantino della Gherardesca, la squadra di Talpa Italia guidata da Marco Tombolini, la squadra di Rai2 con in testa il vicedirettore Fabio Di Iorio, i registi, gli autori, i talenti, i musicisti, il centro di produzione Rai Milano, che ha ospitato e realizzato il programma, Rai Radio2, Rai Pubblicità e tutti coloro che hanno sostenuto The Voice Of Italy 2018. “E’ stato un grande lavoro di squadra – ha detto il direttore di Rai2 – in cui tutti, come in una grande orchestra, hanno saputo eseguire al meglio la partitura musicale.”

Maryam, la vincitrice, ha 19 anni, viene da Napoli e il suo sogno è vivere di musica. Ha imparato prima a cantare e poi a camminare. Da piccola, quando ancora doveva aggrapparsi ai tavoli per stare in piedi, allietava parenti e amici cantando. La musica è sempre stata la sua arma contro il pregiudizio e la troppa attenzione all’apparenza.

Partiti in 100, gli aspiranti concorrenti hanno affrontato 4 “Blind Auditions” per ritrovarsi in 48, 12 per team, e sfidarsi nei durissimi “Knock Out” e infine, rimasti in 16, 4 per team, nell’agguerritissima “Battle”, dove J-Ax, Al Bano, Francesco Renga e Cristina Scabbia hanno scelto l’unico rappresentante della propria squadra da portare alla finalissima.

Durante la finale i 4 finalisti: Maryam Tancredi (Team Al Bano, 19 anni da Napoli), Beatrice Pezzini (Team J- Ax, 20 anni da Verona), Asia Sagripanti (Team Francesco Renga, 19 anni da Pordenone) e Andrea Butturini (team Cristina Scabbia, 23 anni da Brescia) si sono battuti in varie manches per aggiudicarsi un contratto discografico con Universal Music Italia.

I 4 inediti dei finalisti, Arriverà l’estate (Beatrice Pezzini), Gravità (Asia Sagripanti), Una buona idea (Maryam Tancredi) e La risposta (Andrea Butturini), sono disponibili per il download e lo streaming su tutte le piattaforme digitali.

The Voice, format internazionale creato da John de Mol, in onda in 62 Paesi, è prodotto in Italia da Talpa Italia, scritto da Cristiano Rinaldi, Riccardo Sfondrini, Sabrina Mancini, Sergio Carfora, Alessandro D’Ottavi, Candido Francica, Gaetano Cappa, Sonia Soldera, Antonio Losito, Simone di Rosa, Ilaria Perazzo, Benedetto Calì.

La direzione artistica è affidata a Cristiano D’Alisera, mentre quella musicale è di Valeriano Chiaravalle. La scenografia è di Luca Sala, i costumi di Elena Mola e la fotografia di Carlo Stagnoli. La regia è di Cristiano D’Alisera.